Water

Ragazzi, sono veramente esausto. È stata un’edizione intensa e interessante ma in fondo sono contento che sia arrivata finalmente l’ora di tornare a casa e riposare il mio stanco membro. Ma sento una vocina. Forse è il Demonio di padre Amorth e Friedkin, che occasionalmente ha deciso di possedere un poro cristo di giornalista invece che la solita architetta ciociara. ‘Ang, per mille forconi! Ma che cazzo dici? Stai solo al secondo giorno’. ‘Ma porco di quel… (inserire bestemmie a scelta, possibilmente in ciociaro. Perché sì, la ‘lingua sconosciuta’ che parlava la tizia, ve lo assicuro, era ciociaro stretto. Non aramaico, non antico accadico. Ciociaro). E probabilmente sempre dal Demonio di cui sopra dipende l’incontrovertibile tendenza del mio pass a girarsi sempre dal lato sbagliato, quello bianco, provocando la diffidenza degli addetti alla sicurezza per cui ‘pass fasullo + barba lunga + borsa carica di Toradol equivale a ‘pericoloso terrorista’, se me portano ar gabbio portatemi le arance, o almeno una bottiglia di Fiuggi, che devo bere). Ieri sera – crepi l’avarizia – festicciola. Ho tenuto a bada Fankulius (il demone sumero dell’asocialità festivaliera) per ben 30 minuti. Un record, ma capitemi, andavo a mohito analcolico.

Torno mentre Vì e i capi supremi di Cinefilos Chiara Guida e Francesco Madeo arrivano, tutti belli ed eleganti tranne me, come cantava Vendittius, il demone iraniano della vecchiaia. Li aspetto sulla panchina e li saluto al volo evitando di cedere alle lusinghe di Tornaindietroevieniallafestaconnoius, il demone armeno della dissennatezza. Così almeno oggi sono in grado di presentarmi alla proiezione di The Shape of Water di Del Toro in discreta Shape pure io, che ci tengo. Il film è bellissimo, pochi cazzi, ed è una di quelle storie che se la davi in mano a uno che vuole spiegare le cazzate insite nel cinema di sogno e fantasia, tipo Christopher Nolan, veniva fuori un disastro. In mano a Del Toro pure la storia di una povera disgraziata, cessa e muta, che si innamora del Mostro della Laguna Nera scorre liscia e prende un riflesso meraviglioso. Questo è veramente in grado di dare la forma all’acqua, ma pure all’aria e pure ai rutti se ci prova, ne sono convinto, e visto il tema dire che in questa Laguna è Del Toro il mostro – ovviamente di bravura – non è solo l’abituale cazzata giornaliera dovuta all’abbacinamento da Festival. Risate grasse almeno quanto lui.

Per il resto c’è per me il ritorno di un mostro assai più spaventoso – altro che demoni mediorientali e uomini pesce dal cuore d’oro – ovvero la tumulazione alla Settimana Orizzontale degli Autori, triste reminiscenza dello scorso anno. Che significa tipo diciotto interviste one-to-one di fila a gente diversamente famosa, che poi per carità, è anche caruccia e intellettualmente stimolante, ma mi chiedono costantemente autografi e selfie e quindi mi stressa. Come del resto mi stressa pure stare un’ora sotto il sole per farmi un selfie con Del Toro, ma anche se ora puzzo peggio di una capra l’ho fatto, e ne vado orgoglioso. Mica solo per lui, per quanto lo stimi, ma anche e soprattutto per poter sparare la cazzata ‘Guillermo e Guillermino’ (per i non avvezzi: Guglielmino è il mio cognome, per gli amici Ang) che in effetti sta furoreggiando su facebook. Lui ci sta alla grande e si presta a grandi pacche sulle spalle e capisce: ‘El pequeno Guillermo’.

Ang

Certo che sto film di Del Toro è una bella paraculata verso il genere femminile. Donne: chi di voi nella sua vita non si è mai innamorata del genere mostro che magna proteine, non parla e quando se fa la doccia schizza tutto? Certo, non vi nascondo che vederlo nella versione Barbie, cioè privo degli attributi, mi ha fatto un po’ vacillare. Ma vuoi mettere, quando scopri che ha l’optional ‘pigia il tasto, apri la botola e srotola?’ Dovremmo rinunciare a fa quelle elegantissime battute da signorine perbene ‘hai un coniglio nella tasca o sei solo contento di vedermi?’, ma i vantaggi estetici sono tanti. Comunque il film – anche per me – è bellissimo, e mi ha fatto dimenticare un po’ di brutture di ieri sera, tipo che anche ai Leoni lo Spritz non è accompagnato dalle solite chips, ma te fanno ubriaca’ a stomaco vuoto e strisciare dopo in sala. In più non sono riuscita a vedere il film che sicuramente vincerà (First Reformed) perché, nonostante la nostra super puntualità, la sala era piena.

E non lo dico per i commenti post sala di illustri colleghi, che come al solito sono sempre cauti e morigerati (Capolavoro! Leone subito! Premi supplementari! Borghi! Marinelli! – così, a cazzo – Sai com’è siamo al secondo giorno di festival e di La La Land ce ne è uno solo, forse anche ma menomale), ma perché non l’hanno visto nemmeno Ang e Chiara, e se c’è una cosa che i festival ci insegnano, a parte che se sei con la Carducci, trovi sempre un pasto caldo, è che loro storicamente non vedono mai la pellicola premiata. Ad ogni modo prima di andare al fantastico party, abbiamo ripiegato su un altro film della sezione Orizzonti, pur di non saltare una proiezione. Il film in questione è Espèces menacées, in una sala casinò fredda come le vetrine de sushi dei supermercati. Per onestà mi duole dire che abbiamo googlato il titolo, un po’ perché il francese lo parlo e sto titolo me suonava malissimo (tipo trappola esorcistica dello scorso anno) un po’ perché non volevamo roba da presa a male. Primo risultato: un panda. Annamo bene. Con tutto il rispetto per questo delizioso animaletto, l’idea di passare due ore in una cella frigorifera a guardare un documentario su come i panda falliscono nel riprodursi era veramente troppo da sopportare. Poi abbiamo deciso di aggiungere ‘film’+‘venezia’, e abbiamo scoperto invece una pellicola interessante, se non fosse per quei fastidiosi personaggi che dopo un po’ te facevano venì voglia di pigliare a capocciate lo schermo. D’altronde come rimanere inerme davanti a un padre che vede la figlia gonfiata come na zampogna dal marito stronzo e strafottente e non fa una mazza di concreto se non nel finale, e pure sul finale riesce a farsi odiare? Ma questo è un blog cazzone, e le tematiche serie le lasciamo agli altri sennò ci arrabbiamo, qua invece (sempre se la mia vicina di casa ce lo permette, vedi post precedente) ce piace ride. In chiusura vi segnalo che ieri mentre facevo pipì nei cessi dell’Excelsior, che mi ha insegnato Ang, essere terra franca dai germi dove ancora vige questa regola civilissima del classismo e riesco a non prendermi tipo la malaria, ho incrociato Zucchero. Il perché ce lo chiediamo tutti, sarebbe interessante se Nolan ci sviluppasse attorno un soggetto. Forse è un gran cinefilo, anche se fonti certe l’hanno sentito mentre rilasciava la seguente dichiarazione ‘soccia quanta figa’. Premi supplementari e collaterali anche per lui. Noi invece ci vediamo domani.