Fuocoammare Oscar 2017

Dopo aver vinto il Festival di Venezia 2013 con Sacro Gra, Gianfranco Rosi punta di nuovo alla vetrina internazionale con Fuocoammare, il suo nuovo film che oggi verrà presentato al Festival di Berlino 2016. E dopo le meraviglie e le miserie del grande anello d’asfalto che circonda la Capitale, Rosi si è trasferito a Lampedusa, nel cuore dell’emergenza immigrazione.

Seguendo il suo caratteristico percorso di immedesimazione e immersione, l’autore si è trasferito per più di un anno sull’isola facendo esperienza di cosa vuol dire vivere sul confine più simbolico d’Europa raccontando i diversi destini di chi sull’isola ci abita da sempre e di chi ci arriva per andare altrove.

Dal documentario alla finzione, oggi a Berlino arriva anche Mia Hansen-Løve, premiata nella sezione Un Certain Regard con il Premio Speciale della Giuria nel 2009 con Il padre dei miei figli. Il film si intitola L’avenir e racconta di una docente di filosofia che ama il suo lavoro e prova piacere nel trasmettere conoscenze ai suoi studenti.

Raggiante stella del film, attesa a Berlino, è Isabelle Huppert.