Orange is the New Black logo

Si rinnova l’appuntamento con gli episodi della seconda stagione di Orange is the New Black, che – ricordiamo – è interamente disponibile sulla piattaforma Netflix in streaming on demand. La puntata si intitola Looks Blue, Tastes Red.

ORANGE IS THE NEW BLACK 2X02Dopo una season premier “statica” ad alta quota, all’insegna della scoperta di personaggi al limite e della grande prova di recitazione di Taylor Schilling (Piper) che ha raccontato la sua aggressione a Pennsatucky, si ritorna nelle ambientazioni familiari del carcere di Lichtfield. Eppure lo sguardo continua a essere rivolto al di fuori delle sbarre, poiché le detenute sono chiamati a considerare in maniera (sulla carta) seria il loro futuro lontane dalla prigione. È questo lo scopo primario del Mock Job Day – così si chiama – dove la parola ‘mock’ (letteralmente “beffa”) non lascia decisamente ben presagire riguardo la serietà dell’evento. E infatti il tutto sa tanto di messinscena. L’occasione è comunque ghiotta per approfondire la storyline di alcuni personaggi che abbiamo imparato a conoscere nel corso della prima stagione. Come Tasha ‘Taystee’ Jefferson (Danielle Brooks), ad esempio, che – vedremo – sarà messa alle corde dall’ennesima delusione. Troveranno discreto spazio narrativo anche Galina ‘Red’ Reznikov (Kate Mulgrew), Daya (Dascha Polanko) e soprattutto Tiffany ‘Pennsatucky’ Doggett (Taryn Manning), che uscirà finalmente dall’isolamento successivo all’aggressione subita da Piper. E ci sarà spazio, ovviamente, anche per l’immancabile Larry (Jason Biggs) che con la sua presenza extra-carcere e le sue denunce fatte nel corso della precedente stagione ha influito e continua a influire sul destino di non poche detenute.

ORANGE IS THE NEW BLACK 2X02 -3I preparativi al fantomatico colloquio di (presunto) avviamento professionale sono l’occasione per gli sceneggiatori di mostrare i lati più esibizionisti e divertenti dei personaggi che vi partecipano. Ecco che assistiamo alla parata di chi ci crede davvero e chi invece vuol far scena, dalla scelta disperata del vestito da parte di Lorna Morello (Yael Stone) a quella di agghindarsi da bomba sexy da parte di Sophia Burset (Laverne Cox). Poi è la volta della redazione dei curriculum face to face, una per una. I siparietti si sprecano, così come le battute a effetto (un consiglio: prestate orecchio a Black Cindy). La vincitrice della prova, alla fine, risulta Taystee, che però invece di una reale prospettiva di lavoro si dovrà accontentare di un accredito di dieci dollari. Ecco concretizzata la presa in giro. E con essa, l’ennesima delusione per una ragazza dal potenziale enorme eppure mai apprezzato. Per lei la storia si ripete tristemente da quando Taystee era ancora piccola, che tra un fallimento e l’altro incontra Vee, spacciatrice. Il sodalizio, purtroppo, viene inficiato dalla morte dell’amico fraterno R. J. e dal carcere. Looks Blue, Tastes Red, che dà il titolo all’episodio, fa riferimento a una frase pronunciata da Taystee riferita a un succo di frutta appare e rappresenta al contempo la descrizione perfetta del suo personaggio: intelligente e capace oltre ogni apparenza, e purtroppo avvilita dal destino e da alcune scelte sfortunate. Il tema forte dell’episodio è in definitiva la vita oltre la prigione. Un bel grattacapo. Vedremo cosa ci riserverà il futuro (della serie, s’intende).