I “botteghini dello streaming”: la situazione a sei mesi dall’esordio

-

La fine del 2020 ha portato novità che incontreranno sicuramente il favore di alcuni appassionati, con la promessa che i grandi successi dei botteghini verranno lanciati anche in versione digitale a fianco delle già programmate uscite nei cinema. Questo annuncio arriva dopo che Warner Bros e HBO Max hanno stretto una collaborazione per la distribuzione dei titoli del 2021 direttamente attraverso la piattaforma di streaming. Altri hanno già seguito le orme della Disney, quest’ultima sempre più impegnata a promuovere il suo servizio di Disney+ e l’opzione Accesso VIP per accedere a pagamento ai titoli più recenti. Qual è la situazione a sei mesi dall’inizio di questa transizione?

Questa nuova tendenza è stata inizialmente accolta con un po’ di scetticismo, per non dire molto. In particolare, diversi registi hanno espresso senza troppe riserve la propria opinione: allontanarsi dal grande schermo avrebbe danneggiato il settore nel suo complesso, diminuendo la qualità e privando del tutto gli utenti di quell’esperienza di visione offerta dalle sale cinematografiche. Non si trattava tuttavia della prima critica rivolta al passaggio alla dimensione virtuale, in quanto anche altri settori (come quello sportivo) avrebbero poi intrapreso questa transizione verso il mondo online e il passaggio ai portale per le scommesse sportive nella versione digitale. Nonostante le varie critiche, questa nuova scelta di distribuire i maggiori titoli attraverso una piattaforma online è stata finora un successo. In aprile, i dati relativi al primo trimestre ci hanno mostrato che il servizio era stato in grado di attirare oltre tre milioni di abbonati nel Paese di lancio, e oltre dieci milioni a livello globale. I numeri parlano chiaro: da 33,1 e 53,8 milioni a 44,2 e 63,9 milioni di abbonati rispettivamente ad aprile 2021.

I dati che abbiamo citato sono solo i numeri iniziali, in quanto nel corso dell’anno è attesa la distribuzione di diversi titoli importanti; in particolare, è durante il periodo festivo che i numeri sono destinati a schizzare verso l’alto. Inoltre, grazie al nuovo servizio lanciato del colosso Disney lo scorso marzo, Disney+ è riuscito ad arrivare a 100 milioni di abbonati in soli 16 mesi dal lancio, sostenuto da grandi titoli come “The Mandalorian“; altre nuove serie in arrivo, come “Loki“, sono destinate a far crescere ancora di più questi numeri. Non possiamo quindi negare che i servizi streaming stiano raccogliendo un notevole successo e lo stiano facendo in tempi molto brevi.

Con il passare degli anni e con la futura distribuzione di titoli di rilievo già in programma, riusciremo a capire meglio l’entità del successo dei botteghini dello streaming, ma già dopo sei mesi i segnali positivi non mancano. Potremmo presto iniziare a vedere le grandi case di produzione prepararsi ad affrontare questo passaggio, e potrebbe non essere così lontana una realtà in cui i grandi titoli verranno distribuiti sia nelle sale tradizionali che sulle piattaforme digitali, in modo da soddisfare le preferenze di tutti gli utenti.

 
 
Redazione
La redazione di Cinefilos.it è formata da un gruppo variegato di appassionati di cinema. Tra studenti, critici, giornalisti e aspiranti scrittori, il nostro gruppo cresce ogni giorno, per offrire ai lettori novità, curiosità e informazione sul mondo della settima arte.
- Advertisment -

ALTRE STORIE

- Advertisment -
- Advertisment -