Once Upon a Time 4×12 recensione dell’episodio con Jennifer Morrison

1522

Once Upon Time Logo 4

Con l’episodio di questa settimana dal titolo Heroes and Villains siamo arrivati all’attesissimo winter finale. Once Upon a Time riprenderà la sua programmazione a partire da Domenica 1 Marzo. L’episodio conclude definitivamente il capitolo riguardante Frozen e introduce quelli che saranno i possibili plot della seconda parte di stagione.

Once Upon a Time 4x12Con l’uscita di scena di Snow Queen gli effetti della maledizione sono svaniti e gli abitanti di Storybrook tornati alla normalità. Unico inconveniente però, sembra essere l’incantesimo lanciato per proteggere la città che a quanto pare non permette di attraversare due volte il confine: chi lascia Storybrook lo fa per sempre (?). Mentre quindi Emma (Jennifer Morrison) cerca un modo per far tornare Anna (Elizabeth Lail), Elsa (Georgina Haig) e Kristoff (Scott Michael Foster) ad Arendelle, Rumplestilskin (Robert Carlyle) porta avanti il suo piano di lasciare per sempre la città con i poteri intatti e Belle al suo fianco. Regina (Lana Parrila) e Robin (Sean Maguire), intanto, riescono finalmente a guarire Marian (Christie Laing) ma le cose poi non vanno esattamente come previsto.

Once Upon a Time 4x12-2L’episodio risulta pertanto composto da tre momenti diversi che riguardano, uno la conclusione del capitolo di Frozen, l’altro l’introduzione dei nuovi personaggi (per il momento solo negativi) e l’ultimo riguardante Belle (Emilie de Ravin) e il suo passato con Rumplestilskin. Questa volta i flashback mostrano l’incontro del “signore oscuro” e le tre regine del male: Ursula (Merrin Dungey), Maleficent (Kristin Bauer van Straten) e Crudelia (Victoria Smurfit). Personaggi che sembrano decisamente interessanti, date le loro storie personali e il filo da torcere che potrebbero dare ai nostri protagonisti. Se un solo villain per volta ha dato vita a quattro stagioni sarà interessante vedere come gli autori svilupperanno la storyline di un’alleanza tra le forze oscure. Elemento che lega quindi la chiusura di un capitolo e l’inizio di uno nuovo è, in questo episodio, il passato di Belle e la sua realizzazione dell’inganno perpetuato dal suo amato Rumple nel corso degli episodi precedenti. Le scene tra di loro sono ben costruite ed efficaci anche se è il caso di dire che forse il personaggio di Belle ne esce svalutato, visto quanto tempo ha impiegato ad aprire gli occhi. Altro filo conduttore di questo winter finale, e in generale di tutto lo show, sembra essere l’eterno opporsi del bene e del male, dei buoni e dei cattivi.

Once Upon a Time 4x12-3Grazie all’espediente del misterioso autore di Storybook, che gioca con le vite e i destini dei protagonisti, abbiamo visto che le storie si costruiscono giorno per giorno, non c’è nessun allineamento astrale o manuale del perfetto eroe da seguire, i libri non sono altro che un insieme di pagine bianche che attendono di essere riempite. Il gioco di metafore inserite nella narrazione con ironia e intelligenza sono il segreto del successo di Once Upon a Time, che ci aspetta quindi a Marzo con nuove avventure da condividere.