Jurassic World - Il dominio laura-dern-jurassic-park
- Pubblicità -

Durante la stesura di Jurassic Park, neanche Michael Crichton si rendeva probabilmente conto dell’enorme potenziale delle pagine che aveva tra le mani. Questo romanzo del secolo scorso, infatti, non ha lasciato solo una traccia indelebile nella letteratura fantascientifica, ma anche nel mondo del cinema e nel cuore di milioni di fan.

- Pubblicità -

L’entusiasmo del grande pubblico e l’approvazione della critica hanno trasformato Jurassic Park in un franchise del valore di miliardi di dollari. Di questo, non ne fanno oggi parte solo due libri e sette film, ma anche prodotti e gadget di vario tipo.

Quali sono i segreti di questo successo? Ripercorriamo insieme la storia di Jurassic Park per scoprirli insieme.

Non ci volle molto perché Steven Spielberg si rendesse conto del valore dell’opera. Il regista statunitense, infatti, contattò Crichton per accaparrarsene i diritti già prima della sua pubblicazione avvenuta nel 1990.

Dopotutto, la trama del romanzo si basa su un’idea tanto semplice quanto avvincente e in grado di risvegliare le fantasie di grandi e bambini. Come il titolo stesso suggerisce, al centro della storia ci sono i dinosauri, che attraverso un avanzato processo di ingegneria genetica tornano in vita per trasformarsi nell’attrazione turistica di un parco divertimenti situato sull’isola di Nublar.

Il testo dell’autore californiano divenne subito un best seller, vendendo 150 milioni di copie a livello internazionale. Tra anni dopo, questo strabiliante successo venne addirittura surclassato dalla sua omonima trasposizione cinematografica.

Solo nel fine settimana di apertura, Jurassic Park fu capace di incassare 50 milioni di dollari, superando addirittura gli ottimi risultati conseguiti l’anno precedente da Tim Burton con Batman – Il ritorno. I 920 milioni di dollari registrati al botteghino all’epoca della sua prima distribuzione gli permisero di detenere un record fino al 1997, anno d’uscita del memorabile Titanic diretto da James Cameron.

Oltre a una trama avvincente, questo successo si deve anche a una cura minuziosa nei dettagli e nel ruolo di primo piano occupato dalla tecnologia. Non solo si cercò di assicurare il massimo realismo all’azione affidando la supervisione del progetto al paleontologo Jack Horner, ma anche utilizzando l’applicazione grafica computer-generated imagery.

Questo contribuì a garantire alla produzione numerosi riconoscimenti, tra i quali gli 11 Oscar vinti nel 1994. Tra questi, risaltano quelli di miglior film, migliore colonna sonora e migliore fotografia.

Visti i risultati, la collaborazione tra Crichton e Spielberg non poté che rinnovarsi. Così, Jurassic Park – Il mondo perduto del 1995 servì da ispirazione al film omonimo, uscito due anni più tardi e seguito nel 2001 da Jurassic Park III.

La morte di Crichton nel 2008 fecero pensare ai cinefili che la storia di Jurassic Park fosse giunta al capolinea. Questa ipotesi sembrò essere ancor più accertata nel 2013 quando, in occasione del ventesimo anniversario del film, si decise di farne uscire una versione 3D nelle sale statunitensi.

Invece, una rinnovata nostalgia per il mondo dei dinosauri portò quasi di sorpresa all’uscita di Jurassic World nel 2015. Tra le novità principali di questo nuovo episodio della serie, risaltano la direzione affidata a Colin Trevorrow e la presenza di Chris Pratt nel ruolo di protagonista.

Con guadagni che superano gli 1,6 miliardi di dollari, Jurassic World è tuttora il sesto film più proficuo di sempre. Per questa ragione, gli Universal Studios decisero di dargli un seguito, prima nel 2018 con Jurassic World – Il regno distrutto, e poi con Jurassic World – Il Dominio.

Quest’ultimo, che dovrebbe costituire il capitolo conclusivo della saga, uscirà in Italia il prossimo 2 di giugno. Sempre diretto da Trevorrow, è particolarmente atteso in quanto vedrà di nuovo insieme dopo 29 anni Jeff Goldblum, Sam Neill e Laura Dern nei panni del matematico Ian Malcolm, il paleontologo Alan Grant e la paleobotanica Ellie Sattler.

Come anticipato, il successo di Jurassic Park è andato ben oltre l’ambito letterario e cinematografico. In questo periodo, si è creato infatti un franchise che si è espanso fino a includere ambiti come quelli della televisione, dei fumetti e dei videogiochi.

Basti citare a questo proposito le serie animate Lego Jurassic World – La leggenda di Isla Nublar e Jurassic World – Nuove avventure, la collana di fumetti Jurassic Park Comics distribuita in Italia da Play Press e il videogame Jurassic Park Evolution, disponibile per Nintendo Switch, Playstation, Xbox One e Microsoft Windows.

Inoltre, la sede degli Universal Studios di Los Angeles ospita dal 2019 il parco tematico Jurassic World – The Ride. In modo simile, quella di Pechino ha inaugurato Jurassic World – Isla Nublar nel 2021, riuscendo così ad accompagnare i suoi visitatori in un viaggio indietro nel tempo di 65 milioni di anni.

Come se questo non bastasse, anche gli amanti dei casinò possono immergersi nella realtà immaginata da Crichton. Ci sono infatti siti di slot machine online che mettono a disposizione dei loro clienti tantissimi giochi diversi, includendo anche titoli che traggono ispirazione da Jurassic Park.

A 32 anni dal suo debutto su carta stampata e quasi tre decenni di presenza nelle sale  cinematografiche, il mito di Jurassic Park è più vivo che mai. I segreti di questo strepitoso successo si devono soprattutto alla genialità di Crichton e Spielberg e alla loro grande sintonia.

La trama avvincente ideata dal primo, infatti, è stata perfezionata attraverso gli effetti speciali introdotti dal secondo. Anche grazie a questo, Jurassic Park è uno dei franchise fantascientifici più redditizi e amati di sempre.

- Pubblicità -