The Flash 2x23

Con The Flash 2×23 arriva la fine di questa seconda stagione del velocista scarlatto, stagione che senza dubbio avrà soddisfatto gli spettatori, ed altrettanto senza dubbio li avrà lasciati con mille interrogativi nella testa; ma si prosegua per ordine.

L’episodio riprende la narrazione da uno dei momenti più tragici di entrambe le stagioni, con il quale si era chiusa la precedente puntata: la morte di suo padre Henry (John Wesley Shipp ) per mano di Zoom.

Dopo questo shock, la puntata si apre con una fantastica scena di combattimento tra l’eroe e la sua antitesi, forse una delle migliori, e prosegue in maniera piuttosto chiara e lineare, riuscendo bene ad alternare dialoghi e scene d’azione, a fornire tutte le risposte che gli spettatori desidererebbero avere, arrivati all’ultima puntata.

In The Flash 2×23 viene finalmente alla luce il folle piano di Zoom, viene svelata l’identità del suo prigioniero “mascherato” e, come già detto, molto altro… ma questa volta il motore della puntata è Barry: la sua rabbia e la sua sete di vendetta trascinano gli spettattori in questi 43 minuti finali dello show, dove l’esito degli avvenimenti non appare mai scontato.

The Flash 2x23The Flash-2×23 risulta a tutti gli effetti uno dei migliori episodi scritti e conclude la stagione con un’ultima sequenza  che lascerà tutti assolutamente a bocca non aperta, ma spalancata (!!), creando un ponte con la prossima stagione che  potrà potenzialmente condurre lo svolgimento della storia verso qualsiasi direzione. Se si vuole cercare un neo in questa puntata, lo si può trovare forse nella durata dello scontro finale con Zoom, forse risolto Sì in un tempo relativamente breve, ma perlomeno non in maniera frettolosa o confusa; ma questo di certo non sposta il giudizio sull’episodio ne tantomeno sull’intera stagione.  The Flash 2×23 è la degna conclusione di una serie che è riuscita a mantenere alto il livello di interesse negli spettatori e la qualità della narrazione per il secondo anno consecutivo, ed ha tutte le caratteristiche per riuscirci anche nella terza stagione.