È morto ieri sera alle 23 il cineasta giapponese con più di cento pellicole all’attivo Koji Wakamatsu in seguito alle ferite riportate dopo essere stato investito da un taxi mentre attraversava una strada trafficata del centro di Tokyo la settimana scorsa.

Proprio in questo mese, all’età di 76 anni, Wakamatsu avrebbe dovuto partecipare al Busan International Film Festival in Corea per ricevere il premio come miglior regista asiatico dell’anno.

Autore di decine di film erotico-pulp dall’inizio degli anni sessanta (Su su per la seconda volta vergine), fondatore, nel 1965, della factory cinematografica “Wakamatsu Production”, fu uno degli autori di spicco della scuola pulp-poliziesca giapponese degli anni sessanta-settanta. Nella sua filmografia annovera titoli che vanno al di là del genere per penetrare una più profonda e morbosa riflessione umana (Embrione, 1966).

Nel 1976 ha prodotto il film erotico di Nagisa Oshima Ecco l’impero dei sensi.

Fonte: THR