Ieri era la volta di Predo Almodovar, che a Cannes per la prima volta presenta un film decisamente diverso dai precedenti del regista spagnolo. La piel que abito è un thriller con alcuni connotati horrorifici, come addirittura qualche giornalista che ha visto il film lo ha definito “cronenberghiano” nel vero senso del termine. Se il regista spagnolo sia intenzinato a cambiare completamente registro, questo non è dato saperlo. La pellicola ha avuto comunque un’ottima accoglienza, anche se ormai Almodovar è di casa  in quel di Cannes.

Oggi è la volta dell’italiano Paolo Sorrentino.