- Pubblicità -
 

Agents of SHIELD 1X04 Eye spyAgents of SHIELD 1×04 ci porta in Svezia, dove una donna misteriosa riesce, in maniera inspiegabile, a portare a termine sanguinosi e difficilissimi colpi da perfetta criminale, senza che ci sia un vero e proprio nesso logico tra le sue azioni, e con metodi a dir poco anticonvenzionali. L’agente Coulson viene quindi richiamato all’ordine e, dietro ordine dei sui superiori, viene indirizzato in Europa, per scoprire chi si cela dietro questi misteriosi e poco ortodossi crimini.

 
 

Ancora una volta la serie targata Marvel si struttura in una maniera molto classica. I personaggi della squadra stanno venendo fuori bene, ma senza particolari sobbalzi, e mentre prima pensavamo che il vero mistero della serie fosse l’outsider Skye, adesso cominciamo a sospettare che l’agente Coulson possa nascondere qualcosa, un avvenimento che potrebbe spiegare il suo atteggiamento molto diverso rispetto a prima di New York, e dei fatti strani che si sono verificati durante quella brutta faccenda. Il simpatico agente dello SHIELD da una possibilità alla sua squadra, a Skye e potrebbe riservare molte sorprese e un passato molto molto misterioso, in questo episodio che sembra finalmente ingranare e offrirci una narrazione con un ritmo più accattivante rispetto ai tre episodi precedenti.

I personaggi, si sa, sono ormai imbrigliati in uno stereotipo di genere che ne fa delle macchiette quasi, tuttavia, se ogni episodio dovesse far intuire una vita passata e misteriosa per ognuno dei nostri protagonisti, allora le cose potrebbero farsi più interessanti, e gli Agenti dello SHIELD potrebbero avere ancora una ragione di esistere sul piccolo schermo.

Episodio divertente e ben costruito Agents of SHIELD 1×04 da una svolta stilistica, più che tematica, alla serie che comincia ad incentrarsi più sulla storia e un po’ meno sull’azione. Certo una bella scazzottata tra donne rende tutto più appetitoso, ma per la prima volta l’action cede il passo al cuore di questi personaggi, ai quali, tutto sommato potremmo addirittura affezionarci.M

- Pubblicità -