American Gods 3 stagione

American Gods 3 è la terza stagione della serie tv basata sull’omonima storia di Neil Gaiman e prodotto da Charles H. Eglee e da Fremantle, ha come Executive Producer Charles H. Eglee qui anche Showrunner, insieme agli Executive Producers Neil Gaiman, Anne Kenney, Damian Kindler, David Paul Francis, Mark Tinker, Ian McShane, Craig Cegielski, Stefanie Berk, e la co-Executive Producer Lisa Kussner.

American Gods 3: quando esce e dove vederla in streaming

La nuova stagione sarà disponibile in tutto il mondo, esclusi gli Stati Uniti, da lunedì 11 gennaio su Prime Video.

American Gods 3: trama e cast

American Gods racconta l’epica storia di un’inevitabile guerra tra i Vecchi Dei della mitologia e i Nuovi Dei della tecnologia. Ricky Whittle interpreta l’ex galeotto Shadow Moon, un uomo a servizio del misterioso Mr. Wednesday, interpretato da Ian McShane (Deadwood, John Wick) – che scoprirà, non solo che il suo carismatico ma inaffidabile capo in realtà è il Dio norreno Odino, ma anche che è…suo padre. Nella terza stagione, Shadow cerca disperatamente di sfuggire a questo destino andando ad abitare nell’idilliaca e nevosa cittadina di Lakeside, in Wisconsin, e di creare il proprio destino da sé, guidato dagli dèi della sua stirpe, gli Orishas. Scoprirà presto che le acque apparentemente calme della cittadina hanno sorgenti profonde, oscure, dalle quali non puoi scappare solo perché sei un dio. L’unica scelta – ed una scelta obbligata – è decidere che tipo di dio essere.

Il cast di American Gods include anche Crispin Glover che interpreta  Mr. World, Demore Barnes nei panni di Mr. Ibis, Devery Jacobs nel ruolo di  Sam Black Crow, Blythe Danner è Demeter, Marilyn Manson è  Johan Wengren, Julia Sweeney è Hinzelman, Iwan Rheon è Liam Doyle, Danny Trejo è Mr. World, Peter Stormare è Czernobog, Denis O’Hare è Tyr, Lela Loren è Marguerite, Dominique Jackson è Ms. World, Wale è Chango, Herizen Guardiola è Oshun, e Eric Johnson è Chad Mulligan.

American Gods 3: trailer

Il creatore ed executive producer Neil Gaiman – “padre” degli Dei in persona – ha pubblicato la seguente lettera destinata ai fan della serie e del romanzo anticipando ciò che i fan potranno aspettarsi dalla nuova stagione:

Quando ci siamo messi all’opera per la terza stagione di “American Gods,” non avevamo idea di come sarebbe risultata attuale. Sapevamo di voler tornare a ciò che il pubblico aveva amato di più del libro: che era tempo per Shadow di andare a Lakeside e provare a vivere una vita normale. Allo stesso tempo nella terza stagione volevamo concentrarci sui vari personaggi e i loro percorsi, mostrare Shadow mentre segue un cammino guidato dagli Dei, dai suoi antenati, diventando sempre più se stesso e decidendo allo stesso tempo chi essere e da quale parte stare, quella dell’umanità o quella degli Dei.

Sapevamo anche di voler stringere ancora di più il legame tra Shadow e il territorio americano esplorando ciò che realmente significa “America” per le persone che la abitano, parlare di immigrazione e di tutte le popolazioni che sono giunte in questo territorio portando con sé i loro Dei. I nuovi Dei di smartphone, app e glitter richiedono sempre più la nostra attenzione, mentre i vecchi Dei vogliono avere ancora rilievo. L’America deve essere per tutti noi e “American Gods” deve riflettere questo concetto. Questa stagione parla proprio di questo. Piena di dramma, di  emozione, di vero realismo ma anche di situazioni surreali, contiene alcune delle migliori performance che la serie abbia mai visto. Riporta in scena i personaggi preferiti, alcuni in nuove vesti, e nuovi Dei e personaggi mai incontrati. Sono fiero del nostro cast – di Ricky,Emily, of Yetide, Ian, Bruce, Demore, Omid e tutto il resto del cast – e di ciò che gli autori hanno fatto rinascere la storia. I problemi degli Dei e delle persone nella terza stagione di “American Gods” sono i problemi dell’America odierna. Non ci aspettavamo che la trama si sviluppasse in maniera così attuale quando l’abbiamo creata, né pensavo che il romanzo sarebbe rimasto così al passo coi tempi quando l’ho scritto 20 anni fa. Ma sono contento che stia succedendo adesso, in un anno in cui sembra che storie sempre più varie vengano ascoltate, e onorate e che sia loro permesso di cambiare il futuro.

Grazie mille,
Neil Gaiman

American Gods è prodotta da Fremantle con l’executive producer Charles H. Eglee alla guida, con al suo fianco Neil Gaiman, Anne Kenney, Damian Kindler, David Paul Francis, Mark Tinker, Ian McShane, Craig Cegielski e Stefanie Berk. Debutterà su Prime Video l’11 gennaio (tranne che negli Stati Uniti). La serie sarà disponibile negli Stati Uniti su STARZ.