Arrow 3×01 recensione dell’episodio con Stephen Amell

    504

    arrow-season-3-poster

    Siamo finalmente tornati in quel di Starling City. L’8 ottobre, con The Climb, si apre ufficialmente la terza stagione di Arrow, e se queste sono le premesse, si profila all’orizzonte un’annata densa di azione, colpi di scena e grandi emozioni. Anche se l’universo di Arrow quest’anno si ampliato con The Flash – il suo spin-off – la serie della The CW non perde un grammo della sua affabilità.

    Arrow 3x01-2La narrazione riprende 5 mesi dopo che, il diabolico Slade Wilson, ha quasi messo a ferro ed a fuoco l’idilliaca cittadina. Tutto sembra andare per il meglio: Felicity (Emily Bett Rickards) ed Oliver (Stephen Amell) finalmente cominciano a razionalizzare i loro sentimenti, papà Lance (Paul Blackthorne) è diventato tenente anche se nasconde dei problemi di salute, Laurel (Katie Cassidy) è un avvocato di spicco e Diggle (David Ramsey) sta per mettere su famiglia. Però a quanto sembra, la quiete dopo la tempesta, finisce subito quando tra i bassifondi un nuovo Conte cerca di conquistare il monopolio della droga. Oliver insieme a Roy (Colton Haynes) ormai diventato il suo braccio destro, si troverà a combattere questo nuovo avversario, ma non solo perché dovrà gestire dei cambiamenti nella Queen Consolidated quando, il  rampollo stesso, cercherà nuovi investitori per portare la società ai fasti di un tempo. Si troverà di fronte un affabile Brandon Routh che veste i panni del caparbio Ray Palmer. Le emozioni dunque in questa season premere non finiscono, e capitolano in un colpo di scena incredibile che lascia tutti senza fiato.

    Arrow 3x01Nessuno si aspettava una premiere di stagione così densa di avvenimenti e tragiche situazioni; gli autori con The Climb sono riusciti a giocare con le emozioni del pubblico ed, allo stesso tempo, regalando un plot intenso e deciso che non ha dimenticato i punti di forza delle serie. La comic-soap della The CW ritorna quindi in tv con il suo solito fascino ammaliatore ed un bagaglio culturale senza fine che si arricchisce minuto dopo minuto. Se da una parte è stato interessante lo sviluppo dei personaggi principali, come il rapporto tra Felicity ed Oliver, di grande coinvolgimento  sono i nuovi meccanismi che transitano vicino a loro. Primo fra tutti il buon Ray Palmer che, molto ben lontano dal suo alter-ego dei fumetti, qui sembra essere un personaggio dal grande appeal, un po’ farraginoso ma che entra fin da subito nel cuore dello spettatore. Il “fattore” flashback poi si evolve con la trama stessa, diventando un subplot dalle grandi aspettative che regala un capitolo del passato di Oliver dalle grandi aspettative, e soprattutto, che fa presagire degli interessanti sviluppi.

    Tutto fila liscio quindi in The Climb, la season premiere fa partire letteralmente con il botto, una serie tv che ormai è diventata un cult

    Articolo precedenteArrow 3: ecco quando arriverà Ra’s Al Ghul
    Articolo successivoLost in Space: reboot per la serie tv di Irwin Allen
    Nato e cresciuto in un piccolo centro vicino Napoli, Carlo fin da ragazzino, è rimasto sedotto dal mondo del cinema e dalle serie tv.  Lettore accanito di saghe fantasy (la sua preferita è Il Ciclo di Shannara), conosce a memoria le battute del film Marnie del grande Alfred Hitchcock; divoratore onnivoro di serie tv, è cresciuto tra la generazione di Beverly Hills e quella di Dawson's Creek anche se la sua serie tv preferita rimane Buffy. Adora tutto ciò che il regista JJ Abrams partorisce dalla sua mente, e vorrebbe essere il confidente di Steven Spielberg. Con una camera piena di gadget e DVD, Carlo si sente americano per adozione e coltiva il sogno di lavorare in una redazione giornalistica, ma soprattutto di  andar via dal piccolo centro dove vive per poter rincorrere il suo ormai più che ventennale sogno nel cassetto.