Il network americano della The CW ha diffuso promo e trama di Black Lightning 1×08, l’ottavo inedito episodio della prima stagione di Black Lightning.

 

In Black Lightning 1×08 che si intitolerà  “Revelations” Black Lightning (Cress Williams) collabora con Anissa (Nafessa Willaims) per trovare informazioni per cancellare il nome di Black Lightning mentre Jennifer (China Anne McClain) inizia l’internato per Lynn (Christine Adams). 

Nel frattempo, Gambi (James Remar) si trova in una situazione precaria. Marvin Jones III e Damon Gupton sono anche i protagonisti della puntata. L’episodio Black Lightning 1×08 è stato scritto da Jan Nash e diretto da Tanya Hamilton (# 108). Data di trasmissione originale 13/03/2018.

[nggallery id=695]

Black Lightning 1×08

La serie racconta di uomo in passato ha utilizzato le sue abilità sovraumane per occuparsi della sicurezza della città di New Orleans, decidendo poi di abbandonare le gesta eroiche per occuparsi della sua famiglia, in particolare delle sue due figlie, e lavorare come preside in un liceo. Jefferson dovrà però ritornare in azione quando una gang locale minaccia chi ama e la sua comunità.

Del cast di Black Lightning oltre al protagonista Cress Williams  fanno parte del cast anche Nafessa Williams, China Anne McClain e Christine Adams.

Fulmine Nero (Black Lightning), nome in codice di Jefferson Pierce, è uno dei più grandi supereroi afroamericani che compaiono nella DC Comics. Debuttò in Black Lightning n. 1 (aprile 1977), e fu creato da Tony Isabella e Trevor Von Eeden.

Dal fumetto ANNO UNO

Un decatleta Olimpico vincitore di una medaglia d’oro, Jefferson Pierce ritornò al suo vecchio quartiere nella sezione Southside (Suicide Slum) della città di Metropolis, con sua moglie Lynn Stewart e sua figlia Anissa per diventare il preside della scuola superiore Garfield. Il Southside come era noto una volta era dove suo padre – il rinomato giornalista Alvin Pierce – fu assassinato. La colpa su questo avvenimento fu un fattore determinante nella sua decisione di lasciare Metropolis. Suicide Slum fu divisa tra la gang di crimine organizzato chiamata i 100, una corporazione fantasma; e i politicanti corrotti locali come Tobias Whale.

Peter Gambi, un amico di famiglia e sarto, insegnò molto al giovane Jefferson su come sopprimere le sue innate abilità metaumane così che non avrebbe potuto ferire accidentalmente nessuna delle persone a lui care. Dopo il suo ritorno, Gambi suggerì a Jefferson di utilizzare i suoi poteri per aiutare il quartiere, e si riferì a lui con una placca con la frase parafrasata di Milo Sweetman “La giustizia, come il fulmine, dovrebbe comparire come speranza ad alcuni uomini, e come una paura in altri“, di cui il testo originale era “La giustizia, come il fulmine, dovrebbe comparire come la rovina di pochi uomini, ma come paura per tutti gli uomini. Se di mortale giustizia disprezzi la strada, credi e trema, sarai giudicato da Dio“.

Sconvolto dall’omicidio pubblico di Earl Clifford, uno dei suoi studenti più promettenti, Pierce tentò di intervenire per conto dei bambini della scuola, ma subito venne a sapere che i 100 opponevano violentemente contro ogni interferenza. Pierce adottò l’identità mascherata di “Fulmine Nero”. Anni dopo, avrebbe rivelato al suo compagno supereroe afroamericano Mister Terrific che scelse il nome Fulmine Nero perché lui “era l’unico di loro in giro” all’epoca, e che “voleva rendere tutti sicuri di con chi avevano a che fare”