Black Mirror 3: la finzione potrebbe diventare realtà in Cina

-

La prima puntata di Black Mirror 3 ci ha prospettati di fronte a una realtà in cui le persone vengono classificate con un punteggio che arriva al massimo a quota cinque. Questi voti, sommati e sottoposti a media matematica, formano una cifra che determina lo status degli individui con un algoritmo come accade con siti in stile TripAdvisor o Amazon. La puntata è stata diretta da Joe Wright, con Bryce Dallas Howard trai protagonisti.

- Pubblicità -

Questa realtà potrebbe avverarsi grazie a un progetto messo in piedi dal partito comunista in Cina, che vorrebbe raccogliere tutte le informazioni disponibili online riguardanti le aziende e i cittadini e poi attribuire a ogni ente un voto in base a fattori legati ad elementi politici, sociali, commerciali e legali.

Alla base dell’idea ci sarebbe l’intenzione di premiare i comportamenti positivi. Come nell’episodio dello show, cittadini potrebbero intervenire sulla valutazione di servizi e professionisti.

A riportare per primo la notizia è stato il quotidiano The Independent.

Che ve ne pare?

- Pubblicità -
Chiara Guida
Chiara Guida
Laureata in Storia e Critica del Cinema alla Sapienza di Roma, è una gionalista e si occupa di critica cinematografica. Co-fondatrice di Cinefilos.it, lavora come direttore della testata da quando è stata fondata, nel 2010. Dal 2017, data di pubblicazione del suo primo libro, è autrice di saggi critici sul cinema, attività che coniuga al lavoro al giornale.
- Advertisment -

ALTRE STORIE

- Advertisment -
- Advertisment -