C’era una volta 1×08: recensione dall’episodio

1208
C'era una volta 1x08

In C’era una volta 1×08 Desperate Souls, cerca di approfondire il passato di Tremotino nel mondo delle fiabe e cerca di riprendere il filo della narrazione dopo che Storybrooke ha subito la perdita dello sceriffo Graham, “ucciso” dalla perfida Regina (come ben ricorda chi ha visto l’episodio precedente dal titolo Heart is a Lonely Hunter). Nel mondo delle fiabe, si approfondiscono i motivi che hanno spinto Tremotino sulla strada della cattiveria: un tempo il suo villaggio era minacciato da perfidi cavalieri, il cui compito era quello di rapire la gente più giovane: anche il figlio di Tremotino viene minacciato e il padre, pur di fare qualcosa, accetta persino degli oscuri compromessi contratti con il misterioso e anziano mendicante che si proclama addirittura il suo benefattore.

A Storybrooke, nel frattempo, Emma si trova costretta a dover affrontare la perdita di Graham e riceve un aiuto inaspettato da Mr. Gold che non solo simpatizza con il suo dolore ma addirittura si mostra disponibile ad aiutare la donna nella “lotta” contro Regina, proclamandosi suo “protettore”… Emma si prepara a ricevere il distintivo da sceriffo, ma Regina le si oppone proponendo il suo candidato: Sidney Glass, giornalista di una testata locale (nonché Specchio Magico del mondo delle fiabe!). Quindi tra Regina ed Emma è guerra aperta, finché non arrivano a proclamare delle elezioni locali per decidere chi sarà il nuovo  sceriffo.

Intanto nel mondo delle fiabe, il figlio di Tremotino viene informato dall’Oscuro Cavaliere che suo padre, anni prima, aveva disertato una battaglia cruenta in cui erano morti numerosi soldati e che sua madre, incapace di convivere con un disonore così grande, era scappata via abbandonandoli; il ragazzo chiede al padre informazioni, ma l’uomo gli dice che le parole del cavaliere non corrispondono alla verità e che sua madre è davvero morta, come gli aveva sempre raccontato; inoltre, Tremotino rivela al figlio che ha un piano per evitare che il ragazzo venga “catturato” dai cavalieri: questo consiste nel rubare il pugnale del Cavaliere e per farlo avrebbero dovuto attaccare il castello del Duca, apparentemente inespugnabile a parte i pavimenti e le travi costruiti in legno,  quindi facilmente infiammabili.

Grazie all’aiuto di Henry, Emma capisce che dietro l’incendio c’è la mano di Mr. Gold, come già era accaduto nel mondo delle fiabe: Tremotino, infatti, aveva appiccato l’incendio al palazzo del Duca rubando così il pugnale del Cavaliere, e in seguito lo aveva colpito a morte rivelando però un’amara verità: in realtà il Cavaliere è il Mendicante che, stanco del suo potere, ha deciso di “passarlo” a qualcun altro prima di morire, e la scelta è ricaduta su Tremotino perché Zoso (è il vero nome del Mendicante/Cavaliere) sa riconoscere un’anima disperata quando la incontra. E così dicendo si dissolve, condannando Tremotino al suo nuovo, macabro, potere.

A Storybrooke Emma si prepara al temuto discorso per le elezioni, e la donna rivela le sue ansie a Mary Margaret, soprattutto svela la paura di deludere il figlio Henry, che la vede come una specie di eroina e per questo teme di deluderlo. Ognuno nella cittadina prende le parti di un candidato o dell’altro (come Mary o David, che per i vincoli di amicizia di sua moglie nei confronti di Regina, sceglie di sostenere la causa di Sidney) e il mediatore del dibattito è Archie Hopper, che invita tutti i cittadini ad appellarsi alle loro coscienze.

Il discorso di Sidney si appella al fatto di incarnare il riflesso delle qualità migliori di Storybrooke, come la forza, l’onestà o la cordialità; Emma, invece, fa leva sulla sua onestà morale, rivelando il suo passato e ammettendo che è stato proprio Mr. Gold ad appiccare l’incendio. Alla fine è proprio lei a vincere, e Regina insieme a Sidney si complimentano con lei per la vittoria e la donna suggerisce alla rivale di stare attenta a Mr. Gold, perché adesso si è fatta un nemico davvero potente.

Nel mondo delle fiabe, i cavalieri stanno per rapire il figlio di Tremotino quando arriva proprio quest’ultimo che comincia ad eliminare uno ad uno i nemici. Il figlio, sconvolto dall’accaduto, dice di non sentirsi più al sicuro ma l’uomo lo rassicura dicendogli che tutto ciò che ha fatto, lo ha eseguito solo per il suo bene. Emma, a Storybrooke, è nel suo ufficio quando riceve l’inaspettata visita di Mr. Gold che si complimenta con lei della sua vittoria, causata naturalmente dal suo “provvidenziale” intervento con l’incendio: così, adesso che le ha fatto un favore, la donna avrà modo in futuro di ricambiarlo in qualche modo, in qualunque modo, perché lui sa riconoscere un’anima disperata quando ne incontra una…

Once Upon a Time 1×08 (C’era una volta)

Once Upon a Time (C’era una Volta) è la nuova serie tv ideata da Edward Kitsis e Adam Horowitz per il network americano della ABC. La serie tv prende in prestito elementi e personaggi dal mondo Disney e dalle più popolare letteratura occidentale, folklore e fiabe.

In Once Upon a Time (C’era una Volta)  proprio quando sembra che Storybrooke possa godersi po’ di pace la città viene ancora una volta minacciata da forze oscure. Il malevolo Mr. Hyde è stato separato dal dottor Jekyll e ha portato con sé i suoi compagni, gli abitanti della Terra delle storie mai raccontate. A peggiorare le cose c’è la metà oscura di Regina – La Regina Cattiva – che è ancora viva nonostante il suo cuore sia stato schiacciato: non possedendo una coscienza la Regina Cattiva ha dichiarato guerra agli eroi. Nel frattempo il passato di Aladdin come precedente Salvatore diventa un nuovo fattore nel ruolo di Emma come attuale Salvatrice, ed essa è in procinto di essere spinta ai limiti, che la potrebbero portare ad un futuro senza lieto fine. Nel frattempo Gold cerca di riavere di nuovo il cuore di Belle in modo che possano essere una famiglia per il loro futuro bambino. Belle dà alla luce suo figlio ma per proteggerlo da Tremotino decide di abbandonarlo e di metterlo al sicuro con Fata Turchina come Fata Madrina del suo piccolo. La Regina Cattiva intanto decide di rubare la lampada del Genio dove è rinchiuso Aladdin.

Articolo precedenteFringe: ruolo per Georgina Haig?
Articolo successivoGame of Thrones seconda stagione: un nuovo trailer
Ex bambina prodigio come Shirley Temple, col tempo si è guastata con la crescita e ha perso i boccoli biondi, sostituiti dall'immancabile pixie/ bob alternativo castano rossiccio. Ventiquattro anni, di cui una decina abbondanti passati a scrivere e ad imbrattare sudate carte. Collabora felicemente con Cinefilos.it dal 2011, facendo ciò che ama di più: parlare di cinema e assistere ai buffet delle anteprime. Passa senza sosta dal cinema, al teatro, alla narrativa. Logorroica, cinica ed ironica, continuerà a fare danni, almeno finché non si ritirerà su uno sperduto atollo della Florida a pescare aragoste, bere rum e fumare sigari come Hemingway, magari in compagnia di Michael Fassbender e Jake Gyllenhaal.