Dallas-1

Passa il tempo, ma nonostante tutto, al Southfork Ranch non mancano di certo intrighi, colpi di scena, passioni, rovesci di fortuna, bei fusti, e tutto ciò che serve a rendere una serie dal gusto un po’ revival decisamente trash, ma comunque apprezzabile. Stiamo parlando di Dallas, una serie televisiva americana, trasmessa dal 13 giugno 2012 sul network TNT.

Dallas-6Come è facilmente deducibile rappresenta il sequel dell’omonima serie del 1978, solo più hot e spregiudicata. Continua a raccontare infatti gli intrighi, le rivalità e le lotti per il potere tra i membri della ricca famiglia Ewing, operante nel settore petrolifero e nell’allevamento industriale del bestiame. Nel mese di settembre 2010 è stata approvata dalla TNT la produzione di un episodio pilota, prodotto da Cynthia Cidre per la Warner Bros, detentrice dei diritti della serie originale. Michael Wright, responsabile della programmazione della TNT, ha dichiarato infatti che per diversi anni la rete aveva valutato la possibilità di produrre un sequel della popolare serie del 1978, ma solo dopo aver letto la sceneggiatura di Cynthia Cidre nacque la convinzione di qualcosa di concreto. Il cast inoltre venne definito “da sogno”, grazie all’accostamento di volti nuovi a personaggi già molto popolari.

Dallas-3Come nella serie originale la location principale è il Southfork Ranch, e la serie torna per dare un seguito alle storie dei personaggi ideati all’epoca da David Jacobs, richiamando Bobby Ewing, interpretato da Patrick Duffy, Sue Ellen Shepard Ewing, interpretata da Linda Gray, e J.R. Ewing, interpretato da Larry Hagman, il quale è morto però durante le riprese, obbligando la produzione a modificare in parte la sceneggiatura. I tre personaggi appena citati non sono però gli unici membri del cast originale: Ken Kercheval indossa infatti nuovamente i panni di Cliff Barnes, mentre nella prima stagione appaiono Charlene Tilton e Steve Kanaly, gli interpreti della nipote promiscua e del fratello di J.R., Lucy e Ray. Le nuove storie vengono però raccontate dai figli di J.R. e Bobby, ovvero Christopher Ewing (Jesse Metcalfe), il figlio adottivo di Bobby, e John Ross Ewing III (Josh Henderson), freddo ed estremamente malvagio. La trama inizia con J.R., anziano e malato di depressione, che si trova in un istituto, mentre Bobby scopre intanto di avere il cancro; decide comunque di tenere nascosta la malattia alla moglie Ann (Brenda Strong) e a suo figlio adottivo, il quale sta tornando dalla Cina per sposare la sua fidanzata. Intanto John Ross Erwing III trova un giacimento di petrolio, e, per dimostrare di essere all’altezza del padre, decide di continuare i lavori per riportare la Ewing Oil sulla cresta dell’onda, appoggiato da Elena Ramos (Jordana Brewster), figlia della cuoca, sua attuale fidanzata ed ex fidanzata di Cristopher. Bobby e Cristopher si oppongono, e da ciò prenderanno il via una serie di vicende che porteranno i cugini a scontrarsi sì in affari, ma anche in amore.

Dallas-2Negli Stati Uniti il nuovo Dallas è stato accolto favorevolmente sia dal pubblico che dalla critica, totalizzando una media di circa 7 milioni di telespettatori; non si può dire lo stesso invece per quanto riguarda l’Italia, dove la serie è andata in onda dal 16 ottobre 2012 prima su Canale 5, poi su La 5, e infine su Mya. Visto il successo ottenuto negli USA comunque, dopo le prime due stagioni, composte rispettivamente da 10 e 15 episodi, la TNT ha rinnovato il contratto per una terza stagione, composta anch’essa da 15 episodi. Entertainment Weekly ha definito l’opera di TNT come il miglior tentativo di riportare in tv un vecchio format, con efficaci dialoghi e colpi di scena, sul New York Post è stato scritto di Dallas, che nonostante sia ridicolo, avventato, sopra le righe e nonostante rasenti la follia, proprio questi sono alcuni dei motivi per il quale lo show si fa apprezzare, e positivo è anche il giudizio della rivista Variety: la serie è infatti dotata di tutti gli elementi tipici di una soap opera, con una trama che ovviamente più volte si distacca dalla realtà. La nuova generazione del ranch funziona, i due cugini nemici/amici bucano lo schermo sicuramente grazie alla loro prestanza fisica; tutto sommato comunque a parte l’interpretazione del defunto Larry Hagman bisogna riconoscere che nel complesso la serie non spicca certo per recitazione.