DC Legends of Tomorrow 1×01 recensione dell’episodio pilota parte 1

479

Amanti dei fumetti e non, l’attesa è finita. E’ arrivato infatti sul canale della CW la nuova comic series firmata DC dal titolo Legends of Tomorrow, spin-off delle già fortunate serie Arrow e The Flash.

Legends of TomorrowSiamo nel 2166 e il mondo è a un passo dalla distruzione totale, colpa di un malvagio dittatore assetato di potere di nome Vandal Savage (Casper Crump). Ma quello che tutti credono sia un ‘semplice’ tiranno è invece un essere immortale e legendario che da millenni lavora nell’ombra per raggiungere il controllo del pianeta guerra dopo guerra. Il famoso viaggiatore del tempo Rip Hunter (Arthur Darvill), dopo aver visto morire la sua famiglia per mano di Vandal, decide di partire e tornare indietro fino al 2016; la sua missione sarà quella di formare una squadra di guerrieri dotati di straordinari poteri che lo aiuteranno a fermare l’avanzata di Vandal nel tempo e nello spazio.
Legends of TomorrowUno per uno, il professor Martin Stein (Victor Garber) e Jefferson ‘Jax’ Jackson (Frank Drameh) con il loro Firestom, Sarah Lance aka White Canary (Caity Lotz), Leornard Snart anche conosciuto come Captain Cold (Wentworth Miller) e il suo socio Mick Rory, alias Heat Wave (Dominic Purcell), il dottor Ray Palmer e la sua armatura ATOM (Brandon Routh) e la coppia di principi egizi reincarnati Kendra Saunder (Ciara Renèe) e Carter Hall (Falk Hentschel) nei panni di Hawkgirl e Hawkman, si uniranno alla missione di Rip nel tentativo di fermare Vandal, salvare la terra e cambiare il loro destino diventando delle legende.

Legends of TomorrowGià nella prima parte di questo attesissimo episodio pilota di Legends of Tomorrow, è chiaro quale direzione prenderà la nuova serie del trio Greg Berlanti, Marc Guggenheim e Andrew Kreinsberg. Completamente dipendente, al livello narrativo, dalle due serie madre The Flash e Arrow, Legends of Tomorrow sembra essere uno strano ibrido a metà tra Doctor Who e Star Wars che, inspiegabilmente, funziona e tiene lo spettatore incollato allo schermo. I circa quaranta minuti di ‘gioco’ scorrono infatti senza Legends of Tomorrowintoppi ed ogni personaggio sembra trovare la propria dimensione: nonostante il cast sia molto numeroso, nessuno, per così dire, viene lasciato indietro. L’interaziome dei personaggi genera un gran numero di divertenti siparietti senza sacrificare però la storyline, chiara e lineare e la componente avventurosa; c’è inoltre un buon equilibrio tra azione e commedia che resta comunque il segno distintivo della serie.
Legends of TomorrowA differenza dei soliti prodotti a marchio CW, dedicati per la maggior parte ad un pubblico per lo più di adolescenti, Legends of Tomorrow sembra abbracciare un target decisamente più adulto. Uno dei pochi difetti della serie resta però la sua scarsa autonomia narrativa; mentre infatti The Flash – anch’essa spin-off di Arrow – può essere seguita da spettatori che Legends of Tomorrowsiano familiari o meno al mondo della DC, la visione di Legends of Tomorrow, senza un adeguato background, risulta piuttosto difficile. Nessuno dei personaggi viene infatti realmente presentato, nemmeno nella fase di reclutamento – fatta eccezione per Hawkgilr e Hawkman, protagonisti, in un certo senso, della puntata -, poiché ognuno di essi in passato ha già avuto il proprio momento di gloria nelle serie dedicate a freccia verde e saetta rossa.

Un debutto quindi, tutto sommato, niente male per Legends of Tomorrow che tornerà con la seconda puntata, nonché seconda parte del pilot, il prossimo giovedì 28 gennaio sempre sul canale della CW.