Dominion 1×06 recensione dell’episodio con Christopher Egan

585

Dominion - logo

Nella nuova puntata di Dominion ritroviamo i rapporti padri-figli nella storia principale mentre da cornice viene alimentata la natura duplice della fede nei vari culti che si seguono a Vega e nei fardelli di Alex.
L’episodio si apre con Claire (Roxanne McKee) che incontra sua madre posseduta dall’angelo, Alex (Christopher Egan) è convinto di poterla salvare esorcizzandola attraverso il libro dell’Apocrifo che gli consegnerà Uriel (Katrine de Candole) sotto richiesta di Micheal (Tom Wisdom). Contemporaneamente David (Anthony Head) scopre che suo figlio William (Luke Allen-Gale) è adoratore di Gabriel e perciò sterminerà i suoi accoliti.

Dominion 1x06La puntata dal titolo, Black Eyes Blue, conferma l’andamento prettamente politico e umano della serie della SyFy, l’episodio sottolinea la rilevanza che Claire sta acquisendo dal fidanzamento con William sino ad oggi. Difatti la futura Signora della Città oltre a intrecciare un’interessante, ma fin troppo frettoloso, rapporto con Akira (Shivani Ghai), si mostrerà risoluta e decisa sul da farsi quando scoprirà tutte le menzogne che suo padre, il generale Riesen (Alan Dale), le ha raccontato dall’infanzia sino ad oggi. A questo percorso di crescita viene a contrapporsi la caduta di William come figlio e successore della casata Whele, rivelando così il proprio volto al padre e mostrandosi come un ragazzo cresciuto nella violenza delle sue minacce e dei suoi meccanismi manipolatori che lo hanno spinto sulla strada del fanatismo religioso che lo ha “confortato”. Perciò quando egli vedrà che tutto il suo credo minacciato dalle mire ambiziose del padre, riverserà tutta la sua rabbia nei riguardi dell’uomo che lo avrebbe dovuto amare.

Dominion 1x06-2In questo intreccio familiare viene mantenuta viva la linea di Alex, l’ex soldato è ormai convinto del suo destino e si reputa pronto per un ruolo “attivo” all’interno di questa guerra mettendo finalmente le sue “doti” in azione attraverso l’esorcismo della madre di Claire. Le sequenze non riservano alcuna sorpresa se non la prima discussione in termini soprannaturali tra mentore ed allievo, ma questa non riesce ad avere il giusto peso per dare forza alla componente action dell’episodio.

La sesta puntata di Dominion ormai si è allontanata dalle premesse del pilot, Gabriel è una meteora lontana ed Uriel sembra altrettanto squilibrata come il fratello. Ciò che tiene “viva” la serie sono le cospirazioni e le strategie al di fuori del senato, di cui ormai si è preso il sopravvento. Ma anche queste scene non forniscono la giusta spinta, anzi, sono scritte e impostate in maniera classica e quindi risultano di facile lettura.