Downton Abbey 4×06 – recensione dell’episodio con Michelle Dockery

1395
Downton Abbey 4 stagione

downton abbey_series 4

“Aren’t we the lucky ones?”

downton-abbey-s04-e06-10A 2 episodi dalla fine della quarta stagione, Downton Abbey continua la sua corsa con un episodio frizzante dove ( quasi) tutto funziona a dovere, senza però darci ancora indizi sufficienti per capire quale futuro possa attendere i suoi protagonisti.

 Fuori dai confini della tenuta e lontano dai piccoli e grandi drammi dei suoi abitanti c’è un mondo in fermento ansioso di sperimentare e divertirsi lasciandosi alle spalle il passato: avevamo già avuto modo di respirare la vibrante atmosfera dei roaring twenties grazie alle incursioni di Edith nei circoli della Capitale, ma stavolta il presente irrompe a Downton nella forma di una vera e propria Jazz Band, pronta a trascinare con entusiasmo a ritmo di musica persino il rigidissimo Lord Robert.

downton-abbey-s04-e06-9A creare scompiglio e a dare scandalo è soprattutto la presenza di Jack Ross, affascinante cantante di colore della band che avevamo già avuto modo di incontrare nel quarto episodio: la questione della discriminazione razziale inizia così a farsi sentire, alternando momenti assolutamente impagabili e spassosi ( la reazione sconvolta di Carson su tutti) ad altri più amari e realistici come la diffidenza di Mary e della stessa Edith, ripresa addirittura dalla Dowager Countess in persona per un atteggiamento tanto contrastante con la libertà assaporata a Londra. La ragazza però ha ben altri problemi da risolvere, colpita per l’ennesima volta da una catena di eventi nefasti voluti da un autore che sembra tenderle la mano dandole l’opportunità di essere felice solo per potergliela strappare via il più presto possibile; lasciatela ritornare a fare la giornalista, restituitele l’emancipazione che aveva tanto desiderato e regalatele un po’ di serenità attraverso il successo professionale, come avrebbe dovuto essere dall’inizio.

downton-abbey-season-4-episode-6Nella frenesia degli eventi ci stavamo quasi dimenticando del Signor Charles Blake, borghese con idee ben precise sulla gestione della terra e sul decadente ruolo della nobiltà, arrivato a Downton in compagnia del sempre piacevole Evelyn Napier: qualcosa ci dice che i suoi contrasti con Mary potrebbero avere un esito del tutto inaspettato e che l’affascinante Mr Gillingham potrebbe trovare sulla sua strada un potenziale rivale.

Il cuore di Mary non sembra però disposto a lasciare andare il ricordo di Matthew, come dimostra la splendida scena che la vede protagonista, insieme a Tom Branson e Mrs Crawley, di un dolce e commovente momento di rimembranza per quell’amore che tutti e tre hanno avuto la fortuna di conoscere davvero, anche se solo per poco.

 Già divenuto leggenda per il formidabile duello fra Mrs Crawley e una magnifica Lady Violet ( se un giorno la serie dovesse fare a meno di lei firmerebbe di certo la sua condanna a morte), questo sesto episodio si candida già al titolo di miglior episodio della stagione, abile a stemperare lacrime e sorrisi con contegno impeccabile come solo Downton Abbey sa fare.

 
Articolo precedenteOnce Upon a Time 3×01 recensione dell’episodio con Jennifer Morrison
Articolo successivoEllie Kemper protagonista nella comedy di Tina Fey
Nata a Palermo nel 1986 , a 13 anni scrive la sua prima recensione per il cineforum di classe su "tempi moderni": da quel giorno è sempre stata affetta da cinefilia inguaribile . Divora soprattutto film in costume e period drama ma può amare incondizionatamente una pellicola qualunque sia il genere . Studentessa di giurisprudenza , sogna una tesi su “ il verdetto “ di Sidney Lumet e si divide quotidianamente fra il mondo giuridico e quello cinematografico , al quale dedica pensieri e parole nel suo blog personale (http://firstimpressions86.blogspot.com/); dopo alcune collaborazioni e una pubblicazione su “ciak” con una recensione sul mitico “inception” , inizia la sua collaborazione con Cinefilos e guarda con fiducia a un futuro tutto da scrivere .