House of Cards 2×04 recensione dell’episodio con Kevin Spacey

    1874

    House_of_Cards titoli

    La quarta puntata di House of Cards rappresenta una sospensione narrativa dall’intreccio frenetico della puntata precedente per dare spazio all’emotività che questi personaggi così brillanti e logici mostrano di essere in ogni episodio. La tensione della puntata viene incanalata e manipolata dal algida Claire che riesce a mostrare il suo lato di donna e moglie del vicepresidente.

    House of cards 2x04

    Chapter 17 riesce a tessere nella sceneggiatura una linea netta tra i comportamenti “corretti” e quelli “scorretti”. In primo piano troviamo la corsa ai voti per far approvare la legge passata precedentemente al senato. Jackie (Molly Parker) e Remy (Mahershala Ali) “si lavorano” i deputati a suon di chiacchiere, alla vecchia maniera, mentre dall’altra parte Frank (Kevin Spacey) con i suoi “soliti” metodi cerca di far confluire il voto di Donald Blythe e della sua schiera. Mentre la prima ammalia con il suo carisma di leader, acquisito durante il periodo nei marine, il secondo arranca nel trovare il punto di contatto per strappare quel accordo; diversi sono i momenti in cui vediamo Frank giocarsi diverse carte che non saranno utili allo scopo. Nel mentre Claire (Robin Wright) si prepara ad uno degli eventi che Connor (Samuel Page) ha preparato, un intervista che serve per far guadagnare punti nei sondaggi di gradimento e per dare un po’ più di lustro alla sfera pubblica della vicepresidenza di Frank. Nel faccia a faccia Claire riesce ad essere diplomatica e sincera, riuscendo a portare a galla lo stupro subito in gioventù da parte del colonnello McGinnis e piegando a favore politico il suo dramma personale, mostrandosi molto più astuta e cinica del marito che molto spesso deve ricorre ad atteggiamenti che richiamano il baratto con termini quali “in debito”, “ci deve un favore” o “in cambio di”.
    Sul versante opposto assistiamo ancora al tentativo di vendetta di Lucas (Sebastian Arcelus), egli entra sempre più in confidenza con Gavin (Jimmi Simpson) che a sua volta è interessato ai segreti di governo e al quale serve un infiltrato-giornalista per craccare i server governativi e poi hackerarli.

    House of cards 2x04-2

    L’episodio si svolge nel arco temporale di quattro ore, grazie alla “quarantena” Frank è bloccato fisicamente nell’agire così da poter pensare e dare modo alla sceneggiatura di condurre importanti parallelismi segnati da interessanti metafore. Le novità che abbiamo appreso sul rapporto e sul passato – cosa molto rara nello show – dei coniugi Underwood ha messo la loro relazione sotto un’altra luce, più intima e “normale”, che risulta evidente nel modo in cui Frank guarda sua moglie a fine intervista. E seppur le novità e le rivelazioni – presenti soprattutto nella seconda parte della puntata – abbiano contribuito al giusto rallentamento della storyline, il modo in cui sono stati sviscerati sembrano un po’ forzati, scemando di attenzione negli eventi della puntata.