Nell’undicesima puntata di House of Cards troviamo Frank ossessionato dalla campagna elettorale, alla vigilia del dibattito con Heather Dunbar e Jackie Sharp, il Presidente creerà molti malcontenti nel suo staff. Nel mentre Claire sarà costretta in un ruolo che non la soddisfa, la first lady.

 

house-of-cards-3x11Chapter 37 torna a parlare degli intrighi politici del Presidente, ponendo come punto di vista le persone che collaborano con lui e Claire. Da qui la sceneggiatura di Melissa James Gibson ci da modo di lanciare definitivamente l’ultimo tema della stagione, la campagna elettorale. L’episodio difatti si apre proprio con la first lady (Robin Wright), da sola, in giro per gli stati a partecipare ad eventi per la raccolta dei voti del marito mentre un insistente Thomas (Paul Sparks) cerca di carpire anche l’anima della donna dietro la figura controversa del Presidente che i media vedono in svantaggio per le presidenziali del 2016. Dall’altra parte vediamo Frank (Kevin Spacey) esercitarsi, imbeccare Jackie (Molly Parker), scuotere Remy (Mahershala Ali) e impartire ordini e comandi come il più dittatoriale degli imperatori che sa che può perdere molto, ma senza rendersi conto di quale sia effettivamente la realtà che sta perdendo.

house-of-cards-3x11-2Da questa sottigliezza emerge la bellezza della puntata, seppur l’episodio abbia dei ritmi intensi, (durante la diretta del dibattito) dei risvolti interessanti (le prevedibili reazioni di Jackie e di Doug). È nel rapporto a distanza tra i due coniugi che si nota la silenziosa e inevitabile rottura di un percorso iniziato con l’arrivo alla Casa Bianca. Frank ha abbandonato i toni fluidi dell’oratoria per prediligere una linea inedita per lo show, ossia, la manifestazione cruda e netta di ciò che si aspetta dai suoi sottoposti manifestando la sua potenziale rabbia e smania di potere che porterà ad inevitabili ripercussioni sul suo obiettivo finale. Claire, invece, ci regala l’ennesimo tentennamento sul suo matrimonio arricchito da sequenze profondamente malinconiche, dovute alle delusioni continue ed incessanti che il marito le ha gettato addosso. Seppur lei dia “letteralmente il sangue” per loro, per cosa sono e per quello che così smodatamente vogliono essere, i loro sguardi sono rivolti altrove, persi nell’etichetta ed in sentimenti che devono indossare e che solo Thomas sembra aver capito a pieno. Quest’ultimo, a differenza di Kate, si sta rivelando un’eccellente personaggio, insinuandosi nelle pieghe di questo matrimonio senza (ancora) esprimere giudizio ma conoscendo, insieme allo spettatore, il patto taciturno tra i due.

house-of-cards-3x11-3La puntata di House of Cards ingrana la marcia verso il finale di stagione, seppur gli schemi politici siano ben intuibili dopo tre anni, l’ennesima parentesi sul matrimonio da modo ai protagonisti di esplorare il “sessismo” in una coppia legata dall’idea che l’amore duraturo ha come base la volontà di ottenere gli stessi interessi.

VOTO:3.5/5 stelle