Intervista a Stephen Amell su Arrow, The Flash e l’iniziativa per la lotta contro il cancro

    1013

    stephen Amell

    Arrow, la serie tv con Stephen Amell, è giunta alla terza stagione, mentre The Flash, lo spin-off tratto dal fumetto, sta registrando record di ascolti per il canale The CW. Inoltre i fan di Amell sperano ardentemente che l’attore interpreti Freccia Verde nel futuro film sulla Justice League.

    Ecco che cosa ha raccontato l’attore a Speakeasy sulla sua esperienza come icona di un fumetto.

    Complimenti per la terza stagione di Arrow.
    Mi piacerebbe dire che è ciò ci aspettavamo, ma in realtà non è così. Eccetto Smallville, è raro vedere che una serie tv tratta da un fumetto si riveli un successo. Al di là del successo della nostra serie, è gratificante il fatto che stiamo vivendo un periodo piuttosto ricco per il genere.

    Oltre Smallville, i fumetti sono stati un fenomeno di nicchia per la tv fino al lancio di Arrow. Ora The Flash sta andando molto bene, così come Gotham. Inoltre Agents of S.H.I.E.L.D. ha registrato ottimi ascolti.
    Sì. All’inizio molte recensioni di Arrow dicevano: “L’idea è interessante, ma sappiamo che le serie tratte dai fumetti hanno breve vita in televisione”. E ora abbiamo dimostrato che si sbagliavano. Credo che il successo di The Flash e di altri prodotti del genere sia dovuto alla qualità del materiale di queste serie. Ma se avessimo fatto un fiasco, non credo che questi telefilm esisterebbero. Ormai camminano da soli, ma secondo me siamo noi che abbiamo spianato la strada.


    Stephen AmellIn questo periodo la Marvel e la DC hanno annunciato l’arrivo di moltissimi cinecomic nei prossimi anni. Saresti pronto per un film su Freccia Verde?
    Ne sono del tutto indifferente. Innanzitutto un film sminuisce il risultato ottenuto con la realizzazione di 23 episodi all’anno. Il livello di difficoltà sarebbe notevole nell’adattare una storia enorme in un film… con l’ovvia eccezione de Il Signore degli Anelli e il lavoro di Peter Jackson… e forse Titanic. In realtà preferirei fare una serie tv interessante da 23 ore piuttosto che un film. Per me è difficile concepire un film su Arrow mentre giriamo il decimo episodio della terza stagione e abbiamo davanti a noi altri 13 episodi. Inoltre c’è la probabilità di girare altre 3 stagioni. Quando finirà la serie, potrei pensarci.

    C’è stata una certa polemica sul fatto che Grant Gustin è il protagonista della serie The Flash, ma non è stato considerato per il film su Flash. Se si farà un film su Freccia Verde, pensi che dovresti essere tu a interpretarlo?
    Credo che avrebbero dovuto scegliere Grant per il film. Ma dobbiamo ricordare che il fatto che Grant Gustin sia l’interprete di Barry Allen non esclude che Ezra Miller non possa interpretare lo stesso ruolo. Il personaggio può essere interpretato in due modi diversi. I fan dei fumetti sanno bene che Flash è una forza che crea universi paralleli. Chissà, magari troveranno un ottimo attore per interpretare Oliver Queen in una maniera diversa dalla mia. Io non solo l’Oliver Queen dei fumetti. Bisogna essere pazienti. L’annuncio di tutti questi film da parte della DC e della Warner Bros è una cosa buona.

    È chiaro che Arrow e Flash interagiranno molto in tv. So che ci saranno alcuni episodi crossover. Chi vincerebbe in uno scontro?
    Dovremmo aspettare e vedere che succede, no?

    Come affronteresti qualcuno dotato di una velocità supersonica? Nel promo della scorsa primavera abbiamo visto che non potresti scoccare una freccia contro di lui perché è troppo veloce.
    Velocità non significa esperienza. Mettiamola così. E sono 8 anni più grande di Grant.

    [ATTENZIONE SPOILER] Sei rimasto stupito quando hai letto la sceneggiatura dell’episodio 3×01 e hai scoperto che Sara Lance sarebbe morta?
    Ho imparato a non lasciarmi sorprendere da nulla che accade nella serie. Quando un personaggio muore, mi sento triste perché ho adorato lavorare con ogni personaggio della serie. Caity Lotz è in cima alla lista. Nella seconda stagione abbiamo passato più tempo insieme di quanto ne abbia trascorso con Diggle e Felicity. È stato stupendo lavorare con lei. Così quando ho scoperto che sarebbe caduta dal tetto sono rimasto male perché non avrei più lavorato con una mia amica. Non avete idea di quante volte abbiamo dovuto girare la scena in cui le chiudo gli occhi, perché scherzavamo da buoni amici.

    stephen amellSo che giri molte delle tue scene di stunt e ti tieni in forma. C’è una cosa insolita che fai per mantenere sodi i tuoi addominali?
    No, non proprio. Esistono varie ragioni per andare in palestra e una di queste è mantenere la forma fisica richiesta per un ruolo e il fatto che devi mostrare spesso il tuo fisico… questo sì che aiuta a motivare. Quando mi alleno so che lo faccio per lavoro. Di certo spogliarmi non è l’unico fattore che ha contribuito al successo della serie. Non credo che sia uno degli elementi principali, ma fa parte del tutto e ne prendo atto.

    Se in un episodio devi spogliarti spesso, vai in palestra con maggiore frequenza in quella settimana?
    Certo. Al momento mi sto allenando molto perché non mi sono spogliato per i primi episodi, mentre ora accade spesso.

    Parlaci della tua iniziativa benefica.
    Ho incontrato quelli del F–k Cancer ad agosto e mi hanno messo in contatto con Represent.com. Non sapevo chi fossero. Si tratta di una società lungimirante che crea delle T-shirt e le mette in vendita per una causa benefica. Quando ho scoperto l’iniziativa, era un periodo in cui mi divertivo a interagire con i fan su Facebook. All’inizio dell’anno erano 500 000, ora sono quasi 3 milioni. Molte persone hanno mostrato interesse nei confronti delle cause di beneficenza a cui ho preso parte. Quindi ho chiesto loro che cosa avrebbero voluto vedere su una T-shirt. Mi hanno proposto una maglietta con il mio volto e un post-it sulla fronte. Ne abbiamo vendute oltre 21 000 in tre settimane. Ho ricevuto tante richieste da parte di persone che non hanno avuto occasione di comprarle e desiderano che siano messe nuovamente in vendita. Io volevo mantenere l’esclusiva, ma si tratta di una buona causa e allora ho deciso di riproporre l’iniziativa per altre 24 ore.

    Suicide SquadPensi che il messaggio F–k Cancer sia un po’ offensivo oppure questo atteggiamento diretto nei confronti del cancro è efficace?
    Penso che funzioni al 90%. Il cancro è orribile, quindi il messaggio è efficace. Ho ricevuto messaggi da parte di persone un po’ tradizionaliste che dicevano: “Preferiremmo non vedere una parolaccia in copertina per un’iniziativa di questo tipo”. Collaborerò con Represent.com, non sappiamo ancora in che modo, ma vi assicuro che non si ripeterà una cosa simile.

    Cosa accadrà in Arrow?
    Vi dirò qualcosa sui prossimi episodi, quelli in arrivo in inverno. Non ho mai avuto un piano così chiaro come in queste settimane… mai! Il che è strano, mettiamola così.

    Ti vedremo combattere contro R’as al Ghul?
    Speriamo. Di solito combatto contro il cattivo di turno della stagione. Se si scoprirà che è il cattivo, allora sì. Ma non credo che R’as al Ghul sia il cattivo di questa stagione. Non ricordo che sia stato detto. Ma dato che affronto i cattivi di turno, spero che avremo uno scontro, perché sarebbe una cosa veramente iconica per la serie.