Pretty Little Liars 7×12 recensione dell’episodio con Lucy Hale

638
Pretty Little Liars 7x12

Mentre Spencer (Troian Bellissario) è alle prese con la rivelazione della madre e cerca di dare un senso a tutto questo, Aria (Lucy Hale) mette ancora in dubbio il suo imminente matrimonio con Ezra (Ian Harding). Nel frattempo Emily (Shay Mitchell) si scontra con una nuova studentessa, Addison, che la provoca e cerca di incastrarla con alcune foto “compromettenti” con Alison (Shasha Pieterse), mentre Jenna (Tammin Sursok) torna a Rosewood. Hanna (Ashley Benson), invece, continua a lavorare insieme a Mona (Janel Parrish) e Caleb (Tyler Blackburn) per l’avvio della sua attività.

Pretty Little Liars 7×12 recensione

Si intitola These Boots Are Made for Stalking il dodicesimo episodio della settima stagione di Pretty Little Liars, la serie televisiva statunitense di genere a metà tra teen drama e giallo, ideata da Marlene King e basata sugli omonimi romanzi di Sara Shepard  per il network ABC Family. Pretty Little Liars 7×12 non è un episodio memorabile, e come spesso è accaduto nel corso delle stagioni sembra non portare alcuna rivelazione fondamentale per il risultato finale, ma costruisce ugualmente le basi per il proseguo della stagione. Seppur altalenante, infatti, l’episodio risulta ugualmente avvincente, complice soprattutto il ritorno di Jenna e l’arrivo – anche se immaginiamo sia fine a se stesso – di Addison. Una ragazza che ricorda la Alison dei primi tempi e che ha portato un po’ di “pepe” tra Paige (Lindsey Shaw) ed Emily, ma soprattutto ha permesso a quest’ultima di far uscire una parte del suo carattere spesso nascosto e aggiungere un altro pezzo del puzzle al gioco che A.D. ha recapitato alle liars. E se è vero che in questo episodio si è “giocato” meno del previsto, dall’altro non sono comunque mancate alcune supposizioni ed idee.

These Boots Are Made for Stalking, infatti, non ha regalato colpi di scena, ma probabilmente non ce li saremmo neanche aspettati conoscendo il “ritmo” di Pretty Little Liars, anche se arrivati a questo punto ogni rivelazione potrebbe risultare proficua, visto la fine è sempre più vicina e le carte potrebbero essere rimescolate ancora più e più volte. Staremo a vedere, noi siamo pronti a scoprire tutti gli intrighi ancora nascosti.