Quantico 2×07 recensione dell’episodio con Priyanka Chopra

Quantico 2×07 si rivela essere un episodio più coinvolgente rispetto allo standard di questa seconda stagione.

Nel passato, alla FARM continuano gli addestramenti e questa volta si affrontano le possibili torture a cui un’agente della CIA potrebbe andare incontro. Owen Hall (Blair Underwood) sarà la cavia a cui estorcere informazioni e le reclute non avranno limiti per ottenere ciò che necessitano.

Un anno dopo a New York il tema è il medesimo: le torture; Alex (Priyanka Chopra) è stata ormai catturata e passerà dalla posizione di potere di agente di un anno prima ad ostaggio a cui estorcere informazioni.

In ognuno dei due universi temporali la situazione viene decisamente presa in mano dai protagonisti, se prima ogni decisione veniva presa con le pinze tanto nel passato quanto nel presente, ora le cose cambiano con forza. Le reclute mettono finalmente da parte quella eccessiva bontà nemica del ruolo che stanno lottando per ricoprire e tirano fuori una determinazione tale da considerare ogni mezzo necessario. Guidati da un personaggio che fa un grande salto nella serie, Dyana (Pearl Thusi), che rivela anche aspetti del suo passato piuttosto interessanti, avvicinandosi pericolosamente a Ryan (Jake McLaughlin).

Quantico 2×07 recensione

Stesso soggetto anche un anno dopo nella lotta con i terroristi, nel presente sarà infatti sempre Dyana al centro di un interrogatorio con tortura ma questa volta passando ancor più palesemente da un ruolo ad un altro.

Interessante il collegamento tra i due tempi narrativi, forse il meglio riuscito fin ora, l’idea dell’importanza per un’agente di immedesimarsi sia nella vittima che nel carnefice è ben strutturata sia dal discorso iniziale di Owen che dall’intera struttura della puntata.

Un concetto ben definito a cui girano attorno tutte le situazioni del settimo episodio, oltre a questi due scenari infatti continua la relazione di amore/odio tra Harry (Russell Tovey) e Sebastian (David Lim), ma anche quella tra Shelby (Johanna Braddy) e Lèon (Aarón Díaz) e purtroppo aumentano i problemi tra Alex e Ryan che addirittura finiscono per discutere sull’assegnazione della missione perdendo definitivamente la fiducia l’uno nell’altra.

Nel presente invece è un’altra la relazione ad essere messa in dubbio, Miranda (Aunjanue Ellis), che abbiamo ormai compreso da tempo essere implicata nell’attacco terroristico, farà infatti di tutto per potersi salvare da un rischio di riconoscimento.

In definitiva una puntata coinvolgente e per niente noiosa che si distacca in parte dalle precedenti regalando un avanzamento della trama ma soprattutto una presa di posizione forte di tutti i soggetti. Da qui non si può far altro che attendersi un velocizzarsi del ritmo narrativo e un prossimo disgregarsi del complesso intrigo.

RASSEGNA PANORAMICA

Sommario

Una puntata coinvolgente e per niente noiosa che si distacca in parte dalle precedenti regalando un avanzamento della trama ma soprattutto una presa di posizione forte di tutti i soggetti. Da qui non si può far altro che attendersi un velocizzarsi del ritmo narrativo e un prossimo disgregarsi del complesso intrigo.
- Pubblicità -

ALTRE STORIE

- Pubblicità -