Quantico 2x20

Quantico 2×20 è interamente basata sulla contrapposizione tra giusto e sbagliato: qual è la cosa giusta da fare in primis, chi è l’uomo giusto per guidare la task force o per guidare il paese intero poi.

Da un lato le coppie Alex (Priyanka Chopra) e Owen (Blair Underwood) e Shelby (Johanna Braddy) e Clay (Mark Pellegrino), dall’altro Ryan (Jake McLaughlin) e Raina (Yasmine Al Massri) e Felix (Jon Kortajarena).

Alex e Owen tentano in ogni modo di portare a termine il piano iniziato la scorsa puntata, la Parrish deve infiltrarsi a pieno, essere ammessa tra i collaboratori che devono iniziare a fidarsi di lei. Questo però può portare anche a compiere gesti del tutto illegali, o ad azioni mortali, la posta in gioco è alta ed alto è anche il rischio per ottenere dei risultati.

Al contrario c’è Ryan che lotta sempre per il giusto e ancora una volta non abbandona la bella Alex tentando in ogni modo di farla tornare sulla retta via.

La discussione tra i tre con lei al centro è esattamente emblema della situazione, Alex Parish tra due fuochi, due uomini innamorati di lei che rappresentano due fazioni diverse per ottenere il medesimo risultato, chi dei due convincerà l’agente speciale?

Interessante questo plus del personaggio di Booth che va un po’ a ricoprire la mancanza di ironia di queste puntate in assenza dei soliti personaggi leggeri, risultando più volte divertente attraverso qualche battuta ben costruita.

Contemporaneamente anche un’altra coppia opera ai limiti della legge, Clay e Shelby infatti tentano di ingannare Raina per riuscire poi ad ingannare Felix e salvare il posto alla Presidente (Marcia Cross).

Ma Raina è solamente preoccupata per sua sorella, nelle mani dei collaboratori ormai da tempo, e Felix è anche lui è stufo delle manipolazioni e della crudeltà dietro ogni azione politica.

Nono stante la buona volontà Clay non è più il bravo ragazzo di un tempo ma questo suo cambiamento e i continui fallimenti non possono far altro che portarlo a pensare di aver sbagliato dall’inizio, e se fosse stato Owen l’uomo giusto per guidare la task force?

Una puntata la di Quantico 2×20 che regala un parallelismo della situazione politica piuttosto vicino a quello reale, un’America guidata da chi forse non è la persona giusta, cosa che sta per avvenire anche nella serie, un rischio sempre maggiore di discriminazione e creazione di differenze e intolleranze proprio dove non dovrebbero esistere.

Va detto dunque che è proprio il tema politico della seconda parte della stagione che scalda fortemente l’intera serie donandole la marcia in più che aveva bisogno per arrivare alla fine. La presenza di Clay, di sua madre e dell’intrigo politico con l’amico Felix e l’avversario politico alzano il livello portando anche il dramma personale ad essere tutto tranne che noioso.