Come alcuni di voi sapranno l’ultima puntata di The Walking Dead 6 si è chiusa con alcuni tragici eventi e oggi sulle pagine di TVLine uno degli showrunner dello show, Scott Gimple, parla post mortem dello storico personaggio tragicamente scomparso nell’ultimo episodio. L’intervista è il classico Talking Dead e le domande spesso sono di fan e avvengono subito dopo aver visto l’episodio.

 

Quanto segue contiene SPOILER dunque invitiamo i lettori che non hanno visto la puntata a non proseguire con la lettura.

Scott Gimple alla domanda se il personaggio è morto o no risponde:

Vedremo Glenn in qualche modo di nuovo: una versione o alcune sue parti. O via flashback o nell’attualità per aiutare a completare la storia.

La scena finale è stata girata per lasciare uno spiraglio che quelle che vediamo non siano le sue budella? 

E’ stata girata nel modo in cui volevamo girarla e di conseguenza è stata modificata come volevamo che fosse. Tutto ciò che vedete è sempre intenzionale. Ho passato un sacco di tempo su questi tagli in modo ottenere questo risultato. 

Per te questa è stata una di quelle settimane in cui vorresti no far parte dello show? perché sei costretto a dare spiegazioni.. 

No, mi piace Talking dead proprio per questo. Perché viviamo in un’epoca in cui la conversazione accade e non importa su cosa. E’ un po’ difficile con qualcosa di simile, si ma alla fine tu e io stiamo solo parlando. Quindi è bello che si arriva alla conversazione subito dopo. 

Dovremo aspettare tanto per arrivare a scoprire il suo destino? 

Non molto, succederà nella prima metà di stagione. Solo altri cinque episodi. 

Che tipo di ferita è quella di Rick? il taglio alla mano, non sarà qualcosa di infettivo ?

E’ del tutto possibile, ma non abbiamo grande riguardo su questo. Posso dire qualcosa di definitivo su questo: Rick è ok per quanto riguarda quel taglio. La sua mano sopravvivrà. Ci sarà una benda e un po’ di pomata ma passerà presto.