The Walking Dead 8x08
- Pubblicità -

Tempi bui per Scott Gimple, showrunner di The Walking Dead 8, serie tv che ha appena concluso la prima parte dell’ottava stagione. Ed è per questa ragione che nei giorni scorsi una petizione è partita contro Gimple, in seguito allo shoccante finale andato in onda.

Premesso che in effetti The Walking Dead è da un paio di stagioni che è decisamente sottotono; condizione senza dubbio figlia di uno sviluppo narrativo frammentato, pieno di rimandi e attese che non lasciano proseguire la storia, che procede di riflesso a stento. Va anche detto che la serie tv sembra ormai prigioniera di un personaggio, Negan, prima accolto con acclamazione ma ormai quasi un peso per i personaggi principali e il loro sviluppi.

ATTENZIONE QUANTO SEGUE RAPPRESENTANO SPOILER – The Walking Dead 8

The Walking Dead 8 Scott GimpleDetto questo, oggi leggiamo che oltre 28 mila fan hanno firmato una petizione per far rimuovere da showrunner Scott Gimple, reo di essere il colpevole della scelta “scellerata”, almeno secondo i fan, di aver condotto alla morte uno dei personaggi più importanti della serie. 

Le motivazioni che hanno portato i fan a questa decisione sono molte, e sono tutte elencate nel lungo documento. Ne riportiamo qualcuno per dovere di completezza. 

“Scott Gimple ha completamente rovinato questo spettacolo, si affida troppo a trucchi economici per creare suspense, dopo essere stato un fan dello show dall’episodio 2, non ho quasi più voglia di guardare questa stagione, specialmente dopo  il flop che stanno facendo con la trama di Negan. Seriamente, se non viene licenziato, questo show non durerà molto più a lungo.”

Tyler Sigmon, l’autore della petizione, scrive: “Gimple non ha dato alcuna spiegazione sul motivo per cui Chandler (Riggs) è stato ucciso a parte per via della” storia”, e che non aveva nulla a che fare con questioni personali, ma molti ipotizzano che l’affermazione è falsa: Carl è ancora vivo nella serie a fumetti e ha continuato a svolgere un ruolo fondamentale in ogni grande conflitto che il gruppo ha affrontato”.

Alcuni sostengono anche che la scelta di frammentare per l’ennesima volta anche un avvenimento così importante non è più tollerabile. 

Al momento la AMC non si è espressa in merito ma è chiaro che le recensioni negative ormai una realtà dilagante negli ultimi anni è una questione che la produzione creativa dovrà affrontare, prima di mandare alle ortiche uno dei fandome più importanti del panorama televisivo. 

- Pubblicità -