Tribes of Europa

Tribes of Europa è l’attesa serie tv Originale Netflix di fantascienza creata da Philip Koch e Florian Baxmeyer (Dark) per Netflix.

Tribes of Europa: quando esce e dove vederla in streaming

Tribes of Europa in streaming uscirà il 19 Febbraio su Netflix

Tribes of Europa quando esce

Tribes of Europa: la trama e il cast

2074: Dopo una misteriosa catastrofe globale, l’Europa si disgrega in innumerevoli piccoli e micro-stati, le cosiddette “tribù”, che combattono per la supremazia sul continente. Tre fratelli della Tribe of Origines – Kiano (Emilio Sakraya), Liv (Henriette Confurius) ed Elja (David Ali Rashed) – vengono coinvolti in queste discussioni quando un pilota dei misteriosi Atlantidei si schianta vicino al loro villaggio con un messaggio importante. Nella speranza di un futuro migliore, uniti nella lotta per la sopravvivenza e la libertà, ma ancora separati, ognuno dei tre inizia la propria odissea piena di avventura. Ma la sfida più grande per l’intero continente sta già gettando la sua ombra.

In Tribes of Europa protagonisti sono Henriette Confurius nel ruolo di Lliv, Oliver Masucci nel ruolo di Moses, David Ali Rashed nel ruolo di Elja, Emilio Sakraya nel ruolo di Kiano  Melika Foroutan nel ruolo di Varvara e Alain Blazevic nel ruolo di Crimson.

IL MONDO DELLE TRIBÙ

  • 2074: Dopo una misteriosa catastrofe che ha causato un blackout globale, l’Europa si è disintegrata in micro-stati in cui le cosiddette “tribù” o tribù combattono per la supremazia:
  • La Repubblica Cremisi è costituita dai resti dell’esercito europeo dell’Eurocorps, che cerca di mantenere un’eco di civiltà dalle loro basi militari e proteggere le altre tribù.
  • I corvi, che incarnano un sistema dittatoriale, sono guidati da un impulso spietato di espandersi e schiavizzare altre tribù. Nonostante tutta la loro brutalità, seguono un codice d’onore simile ai samurai e guidano una festa e una cultura sessuale abissali.
  • Le Origine vedono la tecnologia come la ragione della caduta del vecchio mondo e si sono quindi ritirate per vivere pacifisticamente in armonia con la natura.
  • Gli Atlantidei sono le più misteriose e tecnologicamente avanzate di tutte le tribù. Per qualche ragione inesplicabile, sono sopravvissuti indenni al blackout globale e vivono in una base sconosciuta.

Sono gli Atlantidei che hanno dato il via alla storia delle TRIBES OF EUROPE. Uno dei loro piloti si schianta vicino a un villaggio di Origines. Viene braccato da una truppa di corvi al comando del loro capo Lord Varvara (Melika Foroutan), che vogliono prendere il controllo di un misterioso cubo dal relitto. I guerrieri uccidono gli abitanti del villaggio e prendono il resto del prigioniero, inclusi Jakob (Benjamin Sadler) e suo figlio Kiano (Emilio Sakraya). Tuttavia, non riescono a trovare il cubo. Perché il fratello di Kiano, Elja (David Ali Rashed), l’ha ricevuto segretamente dal pilota morente (Michael Erpelding). Elja deve promettere al pilota di riportare il Cubo agli Atlantidei, perché il Cubo contiene un misterioso record di immensa importanza, un messaggio da cui dipende il destino di tutta l’umanità. Elja riesce a fuggire dai Corvi grazie allo strano Mosè (Oliver Masucci), insieme si imbarcano in un avventuroso viaggio attraverso l’Europa nell’anno 2074 – alla ricerca della leggendaria arca, la base segreta degli Atlantidei.

La sorella di Eljas e Kiano Liv (Henriette Confurius) è sopravvissuta all’attacco, ferita gravemente e viene salvata da David Voss (Robert Finster) e dai suoi soldati d’élite della Repubblica Cremisi. Con l’aiuto del guerriero corvo catturato Grieta (Ana Ularu), vuole irrompere nella metropoli dei corvi Brahtok e liberare la sua famiglia. Quasi missione impossibile. Mentre i tre fratelli devono trovare la propria strada, la lotta per la supremazia delle tribù d’Europa raggiunge una nuova dimensione …

Le curiosità sulla serie tv

Il 24 giugno 2016 è stata una data determinante nella storia dell’Europa: l’elettorato del Regno Unito ha votato in un referendum per lasciare l’Unione europea. Lo showrunner Philip Koch, allora 33enne, all’epoca non aveva pensato che questo potesse essere l’inizio di un gigantesco progetto creativo. Da “europeo convinto”, è rimasto così “scioccato” dalla decisione sulla Brexit che pochi giorni dopo ha scritto spontaneamente un breve concetto sulla fine dell’Europa. Per essere più precisi: uno scenario post-apocalittico in cui gli stati del vecchio continente erano morti e si erano disintegrati in singole tribù.

Ha inviato il documento al produttore di successo Quirin Berg (The Lives of Others, 4 Blocks, Welcome to the Hartmanns), per le cui società W&B Television e Wiedemann & Berg Film aveva già sviluppato progetti, tra cui Simon Verhoeven Thriller U nfriend. Sebbene la sua idea sia stata approvata, non c’erano grandi prospettive per essa. Quindi Philip Koch si è prima rivolto ad altri progetti. Il concetto era quasi profetico, perché il mondo esterno è diventato oscuro. Anche per Wiedemann & Berg è iniziato il percorso verso l’oscurità, nel mondo di Dark.

Dal 2016, il mercato dello storytelling seriale in Germania dovrebbe cambiare in modo massiccio. Queste modifiche sono collegate al nome Netflix. Con la serie originale D ark di Jantje Friese e Baran bo Odar, Wiedemann & Berg e Netflix hanno celebrato un successo internazionale nel 2017 ed erano alla ricerca di nuovi progetti comuni. “L’idea di Philip era così audacemente diversa e grande, così tedesca eppure così globale, che era semplicemente la risposta perfetta alla domanda sul prossimo stadio evolutivo di una serie tedesca”, dice Quirin Berg. E Netflix ha condiviso l’entusiasmo. Per Rachel Eggebeen, Director EMEA Original Series, era “ovvio che sarebbe stata una grande serie”. Da un lato è stata una decisione “intuitiva” per lei, dall’altro ha seguito una logica chiara: “Era chiaro per noi, soprattutto dopo l’esperienza di D ark, che le storie di genere in cui inventi un mondo completamente nuovo sarebbero anche essere un lavoro internazionale, indipendentemente dal fatto che gli spettatori vivano in Germania, Brasile o Giappone. Quindi credevamo fermamente che questa serie sarebbe stata la soluzione ideale per Netflix e il nostro pubblico “. Il fatto che questo tipo di serie non fosse mai stato prodotto dalla Germania prima d’ora non ha dato a Eggebeen motivo di dubitare: “Sapevamo che Wiedemann e Berg sono produttori molto esperti e intelligenti. E Philip Koch ci ha subito convinto con le sue idee chiare e le sue grandi idee per l’implementazione creativa. Per noi era anche importante portare più varietà sullo schermo ”

Il progetto è decollato immediatamente: è stato rapidamente confermato e dovrebbe essere rilasciato entro i prossimi due anni. Rachel Eggebeen, che nella sua lunga carriera a Hollywood ha lavorato a serie come Homeland o S onsofAnarchy e con i migliori produttori come ShondaRhimes e Howard Gordon, aggiunge: “Se siamo convinti di un progetto, ci piace andare dritti alla realizzazione. “Maximilian Vetter, che come produttore esecutivo recita, lo dice a modo suo:” Avremmo potuto prepararci cinque anni per questa serie, ma abbiamo anche ottenuto tutto in un anno e abbiamo dato il massimo “.