True Blood 5×11: recensione

Quello sciroccato di Bill, convinto di essere l’epigono prescelto di Lilith, è ormai preda di un delirante furore religioso che lo porta a maturare nuove e solide convinzioni..gli umani (perfino la sua amata Sookie) sono solo cibo, nulla di più!Lo sconcerto di Jessica è tale, da indurla a inventare una scusa per scappare dall’Autorità e dal suo implacabile creatore, che la obbligherà poi a trasformare Jason in vampiro. Il sadico piano per fortuna fallisce, e Jessica – la piccola stronzetta pel di carota, come la definisce la pungente tigre Pam – chiede asilo politico al Fangtasia!

 

E, mentre Steve e Russel sguinzagliano per Bon Temps a caccia di fate, gli altri cancellieri baruffano nei cancelli dell’Autorità..l’ultimatum del generale Cavanaugh, in possesso di un video di Steve e Russel che smembrano una ridda di umani, li aveva mandati in agitazione. Poca roba perché Eric, non ci pensa due volte a uccidere il nuovo arrivato, il tempo stringe e non ha la minima intenzione di perdersi in chiacchiere in quel branco di fanatici squilibrati. Lui e Nora – reduci da una scoppiettante riappacificazione erotica – lasciano quindi l’Autorità con la scusa di disfarsi del video incriminato attraverso la conduzione di una campagna di ammaliamento. Anche la cancelliera Rosalyn lascia il suo rifugio, ma solo per fiutare il responsabile dell’omicidio dello sceriffo Elijah Stormer e farne carne da macello. Pam copre Tara e si consegna a lei proclamandosi colpevole..l’arrendevolezza della pantera ossigenata e il suo accorato gesto sacrificale ci provocano un tuffo al cuore..!Del resto, il sospetto che dietro quella scorza coriacea si nascondesse un animo tenero, ci era sempre venuto!

Intanto la nostra piccola Sookie incontra la fata più anziana di Bon Temps, l’unica in grado di far luce sull’enigmatico rapporto che legava il suo bis bis bis nonno John Stackhouse al vampiro Warlow!

Che Alcide recinti con l’argento la roulotte di suo padre per proteggersi dai vampiri ci interessa poco, perché nel pantheon dell’aberrazione religiosa, Bill riduce in poltiglia il cancelliere Kibwe, dopo che costui gli aveva confidato di essere stato prescelto da Lilith. La sanguinolenta silhouette trash, non fa altro che sperperare odi e malintesi per portare tutti i suoi seguaci all’autodistruzione.

In una rimpatriata finale, nei corridoi dell’Autorità si scontrano varie celebrità di Bon Temps: Sam e Luna alla ricerca della piccola Marta, Jessica e Pam condotte con la forza al cospetto di Bill, con quest’ultimo pronto a cibarsi del primo fortunato!

A chiudere l’episodio è l’attesissimo preludio del match vampiri vs fate. In un fantascientifico tête à tête, la fata più anziana del gruppo viene prosciugata da Russel che, deliziato dal suo dolce sapore e inebriato dal suo profumo, si prepara a scagliarsi contro tutte le fatine della contea, ormai sprovviste di ogni protezione.

Il sole su Bon Temps sta tramontando, i nostri amici hanno ormai i minuti contati..eppure abbiamo l’impressione che, quando i riflettori si spegneranno, la loro pazzesca esistenza continui a scorrere al di là dello schermo!La tensione è alta e la voglia di goderci un finale esaustivo pure. Ma viene da pensare..Un solo episodio riuscirà a sciogliere tutti i nodi e a risanare gli equilibri sovvertiti in una stagione intera? I dubbi restano e l’avvisaglia di un finale aperto si delinea sempre di più!

RASSEGNA PANORAMICA

- Pubblicità -

ALTRE STORIE

- Pubblicità -