La CW si appresta ad entrare nella sua stagione più ricca della sua ancora breve vita televisiva (nacque infatti nel 2006, dalla fusione UPN e Warner Bros Television). I piani dell’emittente presieduta da Mark Pedowitz prevedono l’avvio di cinque nuove serie a quelle che proseguiranno con una nuova stagione. In attesa di capire se l’idea, precedentemente annunciata, di tornare sul genere comedy (abbandonato negli ultimi anni per lo scarso successo), la rete sembra puntare soprattutto sui prodotti drammatici, per quanto cercando una certa diversificazione nei sottogeneri di riferimento. Un discorso dal quale esula Arrow, dedicata a un personaggio de fumetti della DC. Il protagonista è Oliver Queen, un giovane playboy e miliardario che, vittima di un naufragio, trascorre cinque anni su un’isola deserta. Tornato a casa, profondamente cambiato, cerca di coniugare il difficile ritorno alla normalità e agli affetti con la necessità interiore di riparare agli errori fatti in passato; si crea così un’identità segreta, Arrow, appunto (il personaggio originale si chiama Green Arrow e richiama molto da vicino il vendicatore Occhio di Falco, ma la creazione di quest’ultimo da parte della Marvel è successiva). Il resto è abbastanza prevedibile, col nostro protagonista a recitare il ruolo del frivolo miliardario di giorno e del giustiziere mascherato di notte; tra le complicazioni derivanti da questa ‘doppia vita’ vi sarà il fatto che il padre della fidanzata di Oliver è un investigatore che dà la caccia al vigilante Arrow, mentre la madre di Oliver sembra sapere molto più di quanto non appaia. La serie si distingue per proporre un cast di semisconosciuti: Stephen Amell è Oliver / Arros, la fidanzata Laure Katie Cassidy, la madre, Susanna Thompson.

Gli appassionati di serie televisive e supereroi ricorderanno peraltro che il personaggio di Green Arrow era già stato utilizzato in Smallville. Parlando proprio della serie dedicata alla giovinezza di Superman,  viene spontaneo il collegamento con un’altra delle novità in casa CW: Beauty and The Beast (remake dell’omonima serie di fine anni ’80), la cui protagonista è  Kristin Kreuk (che in Smallville interpretava Lana Lang). Qui è Catherine, una detective la cui vita è stata segnata da un tragico evento: l’uccisione della madre; del delitto sarebbe stata vittima anche lei, se un misterioso individuo non l’avesse salvata. Tornando ai giorni nostri, indagando su un omicidio, Catherine si imbatte in Vincent (Jay Ryan, già visto in Terra Nova), un medico che, dato per morto mentre prestava servizio in Afghanistan, vive invece nell’ombra, ai margini della società: Catherine scoprirà che Vincent è proprio il suo salvatore, e che la sua scelta di vita dipende dal fatto che quando si arrabbia si trasforma in una bestia dotata di superforza, sensi ipersviluppati… e scarso autocontrollo. La serie seguirà le vicende dei due, trai quali si svilupperà una forte attrazione, che cercheranno risposte riguardo l’assassinio della madre di Catherine; del cast fanno parte anche Nina Lisandrello (Nurse Jackie), Max Brown (I Tudors) e Brian White (The Shield).

Altra novità in casa CW è Cult, in cui un giornalista investigativo si trova invischiato negli oscuri eventi che circondano una serie televisiva: protagonista Matt Davis (The Vampire Diaries), affiancato da Jessica Lucas (Melrose Place) e Billly Grimm (Robert Knepper, Prison Break). Emily Owens, M.D. è invece una nuova serie di ambientazione ospedaliera: la protagonista, l’esordiente Mamie Grummer, è un praticante medico che, fresco di laurea, non vede l’ora di cominciare a vivere nel ‘mondo dei grandi’, memore delle vicissitudini del periodo, non proprio esaltante, delle superiori: purtroppo, dovrà rapidamente ricredersi, scoprendo che il mondo medico non è tanto diverso da quello da scuola, fatto di ‘circoli’, ‘gruppetti’, invidie, competizione, crudeltà assortite, ma anche amicizie e amori.

Sul luogo di lavoro, Emily ritroverà peraltro la sua persecutrice dei tempi del liceo, ma anche il ragazzo per cui aveva preso una cotta.

La lista delle novità in casa CW si chiude con The Carrie Diaries, spin-off di Sex and The City: ambientata in pieni anni ’80 ci presenterà una Carrie Bradshow (Anna Sophie Robb), poco più che adolescente, che abbandona famiglia e amici nella cittadina di provincia dove è nata e cresciuta, per gettarsi nelle fauci della Grande Mela. Accanto alla Robb, troviamo, tra gli altri, Matt Letscher (Brothers and Sisters), Austin Butler (Switched at birth) e Freema Agyeman (Doctor Who).

Nel complesso, una gamma di prodotti coi quali la rete mostra di essere più interessata a mantenere il proprio target, quello compreso trai 18 e i 34 anni, che non a guardare magari all’audience più giovane. Tra le conferme, spiccano Gossip Girl, 90120 e Hart of Dixie.

Serie Confermate:

90120 (STAGIONE 5)

Gossip Girl (STAGIONE 6)

Hart of Dixie (STAGIONE 2)

Nikita (STAGIONE 3)

Supernatural (STAGIONE 8 )

The vampire diaries (STAGIONE 4)

Serie cancellate o concluse:

One Three Hill

Ringer

The Secret Circle

Nuove serie:

Arrow

Beauty and the Beast

Emily Owens, M.D.

Cult

The Carrie Diaries