Vikings 4

Le navi seguono il sole e viaggiano sempre spedite sul fiume, gli uomini ambiscono ancora al bottino e si buttano a capofitto nell’avventura come degni figli di Odino, ma le cose non sono più com’erano una volta: nel settimo episodio di Vikings intitolato The Profit And The Loss assistiamo all’ennesima dimostrazione di come Ragnar Lothbrok sia ormai un leader stanco e un sognatore disilluso, schiacciato dal peso degli errori commessi e dalla perdita di ciò che amava davvero al punto da cercare rifugio senza tregua nelle sostanze stupefacenti che Yidu, ormai più importante come fornitrice di fiducia che come nuova compagna a cui confidare i propri affanni, ha continuato a procurargli fino a questo momento.

Arrivati alle porte di Parigi, la scoperta del tradimento di Rollo viene accolta quasi con ironica rassegnazione, nella consapevolezza che non esiste lealtà che non possa essere corrotta e comprata nè che esista un legame capace di sopravvivere all’usura del tempo, nemmeno quello fraterno: Il Duca di Normandia sembra aver trovato il suo posto, segue e dirige la battaglia al fianco di una Principessa finalmente libera di palesare il suo spirito guerriero: reso magistralmente com’è tradizione nella serie lo scontro è gelidamente spietato, Rollo difende Parigi con tutti i mezzi a sua disposizione e senza particolare sforzo, ma la sua amarezza alla vista di quelli che un tempo erano i suoi compagni d’arme e adesso sono diventati obiettivi da abbattere è ben visibile sul suo volto; senza la guida di Ragnar, del tutto allo sbando e in preda a una crisi d’astinenza che gli riempie la bocca di sangue e amarezza, ogni tentativo di espugnare la città soffoca nelle paludi sotto il risoluto grido di guerra di Rollo.Vikings_Vikingos_4x7_jueves_31_marzo_2016

Mentre il sole continua a calare su Ragnar Lothbrok, a Kattegat il ritorno di Harbard ci costringe nuovamente a confrontarci con la componente mistico religiosa sempre presente nella serie: i poteri di Harbard si sono già manifestati ampiamente, ma l’allucinazione di Floki introduce con prepotenza l’immagine di unapremonizione pericolosa su come il destino di Aslaug si sia intrecciato a quello del misterioso viandante.vikings

Nel Wessex, i piani di Re Ecbert per estendere il suo potere continuano senza troppi scossoni: lontani dal centro dell’azione gli anglosassoni fanno quello che possono, ma è difficile stabilire per quanto ancora la loro linea narrativa potrà reggersi sulla sola grandezza della performance di Linus Roache.

 
RASSEGNA PANORAMICA
Alessia Carmicino
Articolo precedenteGame of Thrones: Amy Schumer imita Daenerys in una parodia – video
Articolo successivoThe Last Man on Earth 2×14: promo da “Skidmark”
Nata a Palermo nel 1986 , a 13 anni scrive la sua prima recensione per il cineforum di classe su "tempi moderni": da quel giorno è sempre stata affetta da cinefilia inguaribile . Divora soprattutto film in costume e period drama ma può amare incondizionatamente una pellicola qualunque sia il genere . Studentessa di giurisprudenza , sogna una tesi su “ il verdetto “ di Sidney Lumet e si divide quotidianamente fra il mondo giuridico e quello cinematografico , al quale dedica pensieri e parole nel suo blog personale (http://firstimpressions86.blogspot.com/); dopo alcune collaborazioni e una pubblicazione su “ciak” con una recensione sul mitico “inception” , inizia la sua collaborazione con Cinefilos e guarda con fiducia a un futuro tutto da scrivere .