Kirsten Dunst è stata di recente intervistata dal magazine The Edit, che le ha dedicato la copertina e alcuni scatti davvero sensuali, in un look tutto al maschile. La star di Fargo non esita a esprimere ciò che pensa, raccontando i suoi desideri e ciò che pensa sulla disparità tra uomo e donna nel mondo del cinema.

 
 

Kirsten-Dunst-The-Edit-Net-a-Porter-Cover-467

La Kirsten Dunst, nell’intervista, si racconta rivelando qualche curiosità sulla sua vita e su i suoi desideri come donna, confessando di amare i modi mascolini negli uomini: ”Apprezzo le maniere vecchio stile”, dice l’attrice, ”Vorrei un ragazzo che mi paga la cena e mi apre la porta. Amo l’uomo mascolino”.

Poi continua: ”Sono uscita con uomini che avevano più un lato femminile”, continua la Dust, ”E non ha funzionato”.

Kirsten Dunst parla poi dei suoi desideri futuri, ovvero la recitazione e la famiglia: ”Voglio continuare a recitare, ma voglio anche dei bambini”, racconta l’attrice, ”Penso che sarò pronta fra due anni o qualcosa del genere”.

Per ora l’attrice è concentrata su una nuova fase della sua carriera, la regia. E ancora una volta l’attrice non le manda a dire, parlando del ruolo della donna nel cinema: ”Penso che sia più facile per i registi uomini mediocri essere in questa industria. Come donna, puoi essere una regista, ma devi essere fantastica – questa è la parte denigratoria. Devi essere davvero grande per stare lì”.

L’attrice parla poi della sua etica sul lavoro: ”Lo vedo quando la gente non si applica sul lavoro. Gli attori possono essere davvero pigri. Io davvero sono [risata]… non voglio dire esoterica, perché sembra qualcosa di molto lontano. Ma quando sto lavorando su un personaggio, mi sento come una strega che sta facendo un infuso. Così il primo giorno sul set sono convinta. Ho tutto l’occorrente, tutti i miei appunti, tutto ciò che mi serve. Puoi avere molta più libertà e divertimento con quello che fai, perché è cosi radicato che non puoi fallire”.

Insomma, una Kirsten Dust ancora una volta decisa e molto critica sul mondo del cinema, voi cosa ne pensate?

Fonte