Personaggio sempre un po’ in ombra, all’inizio timido e pasticcione, Neville Paciock compagno di dormitorio di Harry Potter è probabilmente uno dei personaggi più interessanti della Saga potteriana. Matthew Lewis, nei panni di Neville dai tempi di Harry Potter e la Pietra Filosofale, ha vissuto le stesse emozioni e la stessa grande avventura dei tre protagonisti più famosi, rimanendo forse un po’ più in ombra, ma conservando il suo grande momento di gloria per il finale della saga. Ecco che Matthew si racconta, o meglio, racconta il suo Neville in un’intervista.

Neville era piuttosto timido e nervoso, ma cresce e si rivela molto diverso, non credi?
Assolutamente. Era una specie di metodo di recitazione. Se guardate alcuni dei primi film, quando sono terrorizzato di fronte Alan Rickman o qualsiasi altra cosa, probabilmente è perché lo sono davvero! Ma quando siamo all’ultimo film, I doni della morte, potevo tranquillamente chiacchierare con Alan, ed è quello che è successo al mio personaggio, credo.

Le riprese dell’ultimo film sono durate per circa 16 mesi, no?
C’è voluto molto tempo. Ho fatto la mia prima scena nel febbraio 2009 e ho finito a metà del 2010.

Come è stato David Yates alla sua quarta regia potteriana consecutiva?
David ha cercato di rendere tutto il più divertente possibile. Con I Doni della Morte ognuno ha preso più seriamente questo lavoro ed abbiamo dovuto affrontare molte più difficoltà.

A questo punto, voi ragazzi avete una perfetta sintonia con i personaggi.
Sì, assolutamente. Abbiamo avuto una conversazione iniziale in cui David ci ha detto cosa voleva da ognuno, ma abbiamo capito i personaggi così bene che era relativamente facile per noi entrare in quella scena particolare e dare subito una prova naturale.

Nella prima parte de I doni della morte non vediamo molto Neville, ma nella seconda parte, a giudicare anche dal libro, ha un ruolo importante.
Mi sono sentito molto fortunato ad essere nella prima parte, ad essere onesti, perché il personaggio non è effettivamente nel libro fino alla fine. Ma, si sa, David ha dichiarato di volerci mostrare per ricordare alla gente che cosa stava succedendo a scuola. Ed è stato proprio bello esserci stati, perché significa che sono stato in tutti e otto film, anche se era solo per una sola battuta!

Cosa è stato aggiunto nel film?
Solo alcune cose per farci capire cosa fanno gli studenti prima che scoppi la guerra. Il libro si concentrata molto su Harry Potter. Ma il film continua a tornare agli studenti e gli insegnanti e a ciò che sta succedendo. E la guerra è molto reale. E’ davvero la vita e la morte. Non voglio rivelare troppo, ma la cosa per me era solo divertimento, ma poi la guerra prende il via e non c’è altro da fare e ci sono un sacco di scene drammatiche e ci sono persone che muoiono intorno a noi, e Neville è il responsabile di queste persone che stanno morendo. Ho appena avuto modo di fare molto cose diverse. E ‘stato fantastico.

Hai detto nelle interviste che Neville trasporta un cadavere.
Sì, proprio così. Voglio dire, perché Neville è il leader e ha deciso di agire come uno che è sempre in prima linea. Penso che si sente responsabile per ogni studente che muore perché sa che lui è quello che può guidarli. Ma era una sfida. Spero davvero che tengano le scene in quanto mostrano davvero Neville al suo meglio.

Sei stato presente durante le riprese dell’epilogo di 19 anni dopo? Neville è citato nei libri ma non appare.
Sì, proprio così. Credo che fosse menzionato, diventa un insegnante e torna a Hogwarts, ma non ci sono nella scena, che per me è ancora una sorpresa.

Fonte: EmpireOnLine