Ad un anno di distanza dal suo La Loi du marché – presentato in concorso alla scorsa edizione del Festival di CannesStéphane Brizé cerca di incantare il pubblico veneziano con Une Vie, il suo nuovo dramma in costume.

Tratto dall’omonimo romanzo del 1883 di Guy de Maupassant, il film narra la storia di Jeanne (Judith Chemla), unica figlia del barone Simone-Jacques Le Perthuis (Jean-Pierre Darroussin) e di sua moglie Adelaide (Yolande Moreau), una ragazza semplice ed ingenua che, dopo aver studiato in collegio per anni, fa ritorno a casa e si prepara a prendere marito. Il suo pretendente, il visconte Julien de Lamare (Swann Arlaud), sembra un uomo gentile e sensibile e Jeanne acconsente alle nozze. Soltanto più tardi scoprirà davvero cosa si cela dietro la mite facciata del suo amato Julien.

Une Vie

La vita sofferta di una giovane donna aristocratica, raccontata da Brizè, si trasforma presto in un insopportabile melodramma, fin troppo melenso, tanto lento da sembrare quasi immobile, che mette a dura prova la pazienza anche degli spettatori più sensibili. I lunghi primi piani della protagonista, la soffocante presenza della natura in ogni scena, i violenti ed incomprensibili stacchi di montaggio – ad una scena luminosa e rumorosa ne segue sempre una più scura e silenziosa –, l’eccessiva retorica della sceneggiatura, sono tutti elementi che contribuiscono a dilatare i tempi narrativi e a dare l’impressione che il tempo trascorra molto più lentamente. Assistiamo per due ore, inermi, al pietoso spettacolo della vita di Jeanne, che sembra non poter mai trovare pace, senza purtroppo riuscire a provare empatia per lei e le sue disavventure. Nonostante la presenza di un marito fedifrago, di una madre bugiarda e di un figlio ingrato, Jeanne è convita di poter costruire, fagocitando i peccati delle persone che fanno parte della sua vita, la sua utopia, un mondo dove la menzogna e il peccato non trovano posto e dove è soltanto l’amore a governare indisturbato.

Une Vie

Il regista, più concentrato sui dettagli della sua splendida location che suoi suoi personaggi, trascura la narrazione trasformando il film in una sorta di quadro in movimento; tutto è piatto, quasi bidimensionale, senza accelerate o frenate brusche e i colpi di scena, a causa di questo andamento così orizzontale, passano inosservati senza produrre nessun effetto nello spettatore che intanto continua a sbadigliare. Il meraviglioso romanzo di de Maupassant fa quindi una pessima fine nella mani di Stéphane Brizé che qui a Venezia non riesce a far innamorare il suo pubblico. Eppure una domanda sorge spontanea: ma se l’adattamento cinematografico di Une Vie fosse stato affidato ad un altro regista, come Stephen Frears, abituato a gestire storie di questo tipo, il risultato sarebbe stato lo stesso?

 
RASSEGNA PANORAMICA
Carolina Bonito
Articolo precedenteX-Men Apocalypse: un concept mostra Elle Fanning nei panni di Jean Grey
Articolo successivoPolpo e Patate
Appassionata di cinema e televisione sin dai tempi del Big Bang, è adesso redattrice di Cinefilos, caporedattrice di Cinefilos Serie tv, collaboratrice per Lifestar e redattrice di SupergaCinema