Pandorum – L’universo parallelo: è il 2174, la nave spaziale Elysium, una sorta di Arca di Noè, sta trasportando 60.000 esseri umani verso Tanis, un pianeta con caratteristiche simili alla Terra che permetterebbe al genere umano di impiantare una colonia e porre rimedio alla sovrappopolazione della Terra.

 

Qualcosa però va storto e il caporale Bower si risveglia prematuramente dal sonno artificiale….privo di memoria! Bower, dopo aver risvegliato il tenente Payton, inizia a perlustrare l’astronave scoprendo che altri astronauti sono sopravvissuti….ma con loro ci sono anche altre creature, assetate di sangue e dall’aspetto umano!
Diretto da Christian Alvart, Pandorum richiama certamente il più famoso Alien per l’ambientazione, per quei corridoi infiniti e tetri delle astronavi dove non sai mai cosa c’è dietro l’angolo…insomma un thriller misto horror carico di tensione, dove non mancano colpi di scena e situazioni angoscianti.

 

Coming Soon: Evil Spirit è un film che narra la storia del linciaggio di una donna colpevole di aver accecato le bambine del villaggio….ma questo film non è come tutti gli altri, ha qualcosa di spettrale. Sul set dove sono state riprese le scene sono avvenute oscure vicende ed ora ogni volta che il film viene proiettato realtà ed eventi narrati si mescolano…A rendersene conto sono due ragazzi, Shane e Yod, due proiezionisti, che riprendono i film in sala per creare copie pirata…quando però il filmato è finito iniziano i déjà vu e una serie di cose terrificanti!
Il tailandese Sophon Sakdaphisit torna, dopo Shutter, con un nuovo horror che, nonostante abbia molto di “già visto”, propone anche una riflessione su come le immagini del cinema siano a volte così forti da poter influenzare la vita reale, mostrandoci i media come un elemento fobico (già visto in film come The Ring o Pulse).