Oscar 2016: la brutta reazione al premio ai costumi di Mad Max

4174
CONDIVIDI

Jenny Beavan Oscar 2016Il giorno dopo i BAFTA, tenutisi lo scorso 14 febbraio a Londra, il presentatore della serata, Stephen Fry, è stato costretto a togliersi da Twitter perché durante la cerimonia una sua battuta non è stata presa troppo bene dal popolo dell’internet. Ma cosa era accaduto? Jenny Beavan aveva appena ritirato il suo premio per i migliori costumi di Mad Max Fury Road e il comico sopraffino, commentandone l’abbigliamento inusuale per una serata di gala, aveva detto che solo una costumista di altissimo livello poteva presentarsi ai BAFTA vestita da barbona. Ebbene, se la Beavan ha preso il commento per quello che era, una battuta da parte di una persona che oltretutto è un suo caro amico, la rete ha blastato Fry.

Ma cosa c’entrano gli Oscar 2016 con questo? La notte del 28 febbraio la scena si è replicata: Jenny Beavan ha ritirato la statuetta per i migliori costumi del film di George Miller, seconda donna premiata per il film (l’altra è la montatrice Margaret Sixel), ma mentre saliva sul palco per accettare il meritato premio, la platea non l’ha accolta con i dovuti onori. E pensare che in epoca di ricerca della parità di genere, i premi alle donne, a questi livelli e nelle categorie tecniche così rari, dovrebbero essere accolti con particolare clamore!

Il video che mostra il malcontento e lo scherno del pubblico è stato pubblicato su Vine, ottenendo oltre 11 milioni di visualizzazioni. Ma chi sono queste persone che con poca educazione e con cattivo gusto hanno reagito male al premio? In primo luogo il premio Oscar Alejandro González Iñárritu, con braccia conserte e sguardo torvo, poi il regista de Il caso Spotlight Tom McCarthy che ridacchia e infine il produttore di questo film e di Revenant, Steve Golin, che la squadra severamente.

Qualunque sia stato il motivo che li ha spinti a reagire in questo modo non è sicuramente sufficiente a giustificare il loro comportamento.

Per tutta risposta, la Beaver ha risposto con grande calma e praticità alle interviste nel backstage: “Non amo i fronzoli e non mi posso mettere i tacchi, ho problemi alla schiena. Avrei un aspetto ridicolo con un vestito bellissimo. Era un omaggio a Mad Max e ovviamente non si era capito bene ai BAFTA che la sciarpa voleva essere uno straccio per l’olio. Mi piace stare comoda e per quanto mi riguarda sono vestita da sera”.

Pur non essendo classicamente elegante, la Beaver ha dimostrato con personalità e leggerezza che quello che conta è il lavoro, e il suo vale un premio Oscar a pieni voti!

Commenti

commenti