Oggi a Cannes presentato uno degli ultimi film in concorso, del regista di Train de vie. Si tratta naturalmente di Radu Mihaileanu che porta sulla croisette lo sciopero delle donne che non vogliono più sottostare alla loro condizione di lavoratrici sfruttate dai mariti. Il film è La Source des femmes e premettendo uno spunto della commedia classica greca, la Lisistrata di Aristofane, la rilegge riadattandola ai giorni nostri. Il racconto, con toni dichiaratamente fiabeschi, è ambientato nel mondo islamico, e Leila, novella Lisistrata, propone alle sue compaesane lo sciopero dell’amore, unica arma che le donne hanno contro gli uomini. Accolto con pareri contrastanti il film manca di un vero e proprio approccio critico e/o ironico, che invece arricchivi i precedenti lavori del regista. Ma Mihaileanu racconta piccoli mondi e piccole storie, rivolte al suo pubblico e per questo, almeno dai suoi affezionati seguaci, verrà sicuramente apprezzato.