- Pubblicità -

Un anno fa  Sam Raimi è stato annunciato come regista dell’adattamento cinematografico di World of Warcraft. A ottobre 2009 è stato fatto un ulteriore passo verso il film: la Warner Bros. e la Legendary Pictures hanno affidato allo sceneggiatore di Salvate Il Soldato Ryan  Robert Rodat l’incarico di stendere il primo script del kolossal.



Ora fresco del tempo libero causa SPIDER MAN 4 fallito, lo ritroviamo sul red carpet dei Saturn Awards dell’altra sera, dove, Collider è riuscito a intervistare il regista, e a chiedere alcuni aggiornamenti sui suoi nuovi film – ora che si è lasciato alle spalle definitivamente Spider-Man 4. Recentemente si era parlato di un possibile coinvolgimento di Raimi nel prequel del Mago di Oz con Robert Downey Jr., ma a quanto pare il regista non sta prendendo molto in considerazione l’idea di girare il film:

“Non sono molto legato al film di Oz. Vedremo cosa accadrà. Ho letto lo script e lo adoro, è un progetto fantastico. Mi piacerebbe lavorarci.”

…la tipica frase di qualcuno in trattative, insomma. Ma il vero progetto che sta catturando il tempo e la mente di Raimi è proprio Warcraft:

“Adoro il mondo che ha creato la Blizzard, soprattutto dal punto di vista visivo. E’ incredibilmente terrificante ed eccitante. Adoro i giochi di scala e dimensioni, i mostri giganteschi che ci sono nel gioco, le diverse ambientazioni nelle quali il personaggio può muoversi. Mi piace l’interazione in prima persona che si ha con altri giocatori online. Ci sono moltissimi aspetti del videogioco che adoro, come le battaglie, gli incantesimi e l’apprendimento di nuove tecniche magiche, e riuscire ad andare al livello successivo. “

Raimi sta giocando moltissimo da diversi mesi (pare che abbia un personaggio al livello 72 realizzato interamente da lui). Lo script è alla quarantesima pagina (“stiamo lavorando alla storia proprio ora”), e Raimi e Rodat stanno cercando di trovare i personaggi giusti da rendere protagonisti:

” Non c’è un unico punto di vista, stiamo cercando di creare dei personaggi realistici che possano vivere nel Mondo di Warcraft. Lo spettatore deve sentirsi nel videogioco, come se esistesse davvero, per vedere l’interazione di questi personaggi mitici e iconici in due o tre di quelle ambientazioni.”

Sicuramente ci sarà qualche problema con il budget visto il flop di Prince of Persia e i diversi punti in comune tra le due pellicole (costose e basate su videogame popolarissimi). Collider ha chiesto al regista come confronta il suo film con i numerosi altri adattamenti di videogame (molti dei quali fallimentari):

“Non so come gli altri registi ci hanno lavorato, quindi non vorrei generalizzare. Io sono legato ai personaggi, alle loro armi, e alle ambientazioni che sono state create. “

Orchi con asce e paladini umani con martelli da guerra: questi i personaggi che Raimi non vede l’ora di far scontrare in battaglia nel suo kolossal. Ai fan non resta che attendere: probabilmente Warcraft non sarà il prossimo film del regista, ma il fatto che ci stia lavorando così attivamente significa che potremmo vederlo sul grande schermo prima del 2013…
Prodotto dalla Legendary Pictures e dalla Blizzard Entertainment, e distribuito dalla Warner Bros., il film è tratto dal MMORPG milionario creato proprio dalla Blizzard.

L’universo Warcraft vede un conflitto in corso tra l’Orda (Non-morti, orchi, troll, minotauri) e l’Alleanza (umani, elfi, nani, gnomi…): poco si sa dello script del film, che è già pronto nella sua prima bozza ma verrà sicuramente rimaneggiato.

- Pubblicità -