La mafia uccide solo d'estate

La-mafia-uccide-solo-d-estate-clipVi presentiamo il video backstage de La mafia uccide solo d’estate, il film di Pif con Cristiana Capotondi, che si è aggiudicato il Premio del Pubblico all’ultima edizione del Torino Film Festival.

 

Leggi anche: La mafia uccide solo d’estate recensione del film di Pif

[iframe width=”640″ height=”360″ src=”//www.youtube.com/embed/5zsqpcUJdTY?rel=0″ frameborder=”0″ allowfullscreen][/iframe]

Leggi anchePif presenta il suo film a Roma

Leggi anche: La mafia uccide solo d’estate: altre due clip del film di Pif

Tutte le foto del film:

[nggallery id=329]

La mafia uccide solo d’estate narra l’educazione sentimentale e civile di un bambino, Arturo, che nasce a Palermo lo stesso giorno in cui Vito Ciancimino, mafioso di rango, è stato eletto sindaco.

E’ una storia d’amore che racconta i tentativi di Arturo di conquistare il cuore della sua amata Flora, una compagna di banco di cui si è invaghito alle elementari che vede come una principessa.

Attraverso questa tenera ma divertente storia d’amore, il pubblico verrà coinvolto emotivamente negli eventi più tragici della nostra storia recente. Arturo infatti è un ragazzo come tanti altri dell’Italia degli anni ’70 ma, a differenza dei suoi coetanei del nord, è costretto a fare i conti con le infiltrazioni e le azioni criminose della mafia nella sua città. La consapevolezza di Arturo cresce anno dopo anno, ma nessuno lo ascolta. Palermo ha altro a cui pensare.

L’ostinazione del nostro protagonista a interessarsi di mafia come un fenomeno reale fa separare Arturo e Flora che si ricongiungeranno solo dopo le stragi del 1992 che apriranno definitivamente gli occhi alla ragazza.