In una recente intervista rilasciata a EW Dave Filoni,  produttore esecutivo di Star Wars Rebels – la nota serie televisiva animata prodotta da Lucasfilm che narra le vicende che precedono di cinque anni gli eventi della saga originale di Star Wars e dunque successivi di quattordici anni a La vendetta dei Sith –  ha fatto sapere che sarebbero presenti alcuni indizi nascosti capaci di connettere gli eventi narrati in Rogue One con quelli della serie Rebels.

Secondo quanto riportato da Dave Filoni all’interno di Rogue One, malgrado non siano comparsi i personaggi di Kanan Ezra provenenti da Star Wars Rebels, la connessione più evidente fra i due universi sarebbe da individuare nel design della nave spaziale impiegata dal gruppo di ribelli per portare a termine la propria missione (molto simile dunque al velivolo Phantom di Rebels), oltre alla possibilità di intravedere sul lato sinistro dello schermo il droide Chopper (C1-10P) durante la scena di dialogo con Mon Mothma. Quest’ultimo easter egg sarebbe in realtà stato voluto direttamente da Filoni in persona, presente sul set di Rogue One durante le fasi di ripresa del cameo del piccolo robottino.

Rogue One: Felicity Jones ha un’opzione per un sequel

Come se non bastasse – e probabilmente qui si per un caso fortuito – durate le riprese in cui compare il droide Chopper sarebbe stato introdotto un ulteriore aggancio con l’universo di Star Wars Rebels, ovvero il riferimento a un certo Generale Syndulla, il quale però è stato rivelato non essere direttamente Cham, il padre di Hera Syndulla. A chiarire la questione è intervento proprio Dave Filoni, il quale ha affermato che “il riferimento a cui si fa accenno riguarda Hera e non suo padre. Rogue One dà un indizio in quella direzione, ma avrei preferito avere tutti i riferimenti a mia disposizione per guidare lo spettatore verso questo tipo di interpretazione. Hera finirà per diventare un generale dell’Alleanza Ribelle alla fine“.

Osservando attentamente le immagini di Rogue One ecco però saltar fuori altri chiari riferimenti a Star Wars Rebels, come ad esempio la già citata nave ribelle e una sua gemella molto simile a quelle di Rebels che compare per alcuni secondi nella porzione in alto a destra dello schermo durante le fasi di atterraggio sulla piattaforma Yavin 4, la stessa che appare invece in assetto da combattimento affianco al velivolo del Generale Raddus. Il produttore John Knoll ammette di essersi confrontato con David Filoni sulla possibilità di usare quest’ultimo punto come un appiglio per un possibile contatto fra i due universo narrativi, affermando che  “ho già alcune teorie circa la storia che si cela dietro questi indizi. Posso immaginare di far si che tutta la battaglia di Scarif si possa svolgere dal punto di vista dei ribelli situati nella navetta Phantom“.

Il fatto che all’interno di Rogue One siano dunque presenti moltissimi easter eggs capaci di rivolgersi più o meno direttamente all’universo di Star Wars Rebels avvalora dunque la teoria secondo cui Lucasfilm sia sempre più rivolta a interconnettere le varie dimensioni del franchise di Star Wars, così come confermato dall’inclusione del personaggio di Saw Gerrera proveniente da Star Wars The Clone Wars.

La terza stagione di Star Wars Rebels uscirà negli Stati Uniti a partire dal 7 gennaio 2017 trasmessa da Dinsey XD.

Fonte: EW