Mostra Internazionale del Nuovo Cinema 2020: il manifesto firmato da Virginia Mori

Pesaro 22 - 29 AGOSTO 2020 Teatro Sperimentale (sala Grande e sala Pasolini) Cinema Astra - Cinema in Piazza del Popolo Palazzo Gradari - Cinema in spiaggia Centro Arti Visive-Pescheria CON LA MATITA, L’INCHIOSTRO E LA PENNA BIC: IL MANIFESTO DELLA 56a MOSTRA INTERNAZIONALE DEL NUOVO CINEMA È FIRMATO DA VIRGINIA MORI, ILLUSTRATRICE E REGISTA D’ANIMAZIONE

100

La Mostra Internazionale del Nuovo Cinema compie 55 anni e per la sua 56esima edizione, diretta da Pedro Armocida, a Pesaro dal 22 al 29 agosto 2020, sta preparando un programma che coniugherà il suo passato stupefacente al futuro del nuovo cinema.

 

Oggi viene svelato il manifesto, la cui illustrazione è stata affidata a Virginia Mori, che così spiega l’idea per la sua narrazione “Nouvelle vague”: «Il mare racchiuso nella montatura di occhiali tipici anni ’70, a ricordare maestri quali Pasolini o Godard, che con il loro cinema hanno stravolto e rivoluzionato il concetto di visione, un’onda come riferimento ai cambiamenti e movimenti intesi come trasformazioni in cui inevitabilmente qualcosa si perde, creando comunque lo spazio per scoprire nuovi eventi. Il volto verso l’alto a ricordare di non limitare lo sguardo solo alla nostra altezza e coltivare l’immaginazione».

E aggiunge: «Ho vissuto la mia infanzia nel centro storico di Pesaro e sin da quando ero bambina ho vissuto la Mostra Internazionale del nuovo Cinema e le sue sale buie come una magia e come un piccolo rifugio dalla luce accecante estiva di una città di mare, entravo in quelle sale spesso senza conoscere il programma, sempre fiduciosa che avrei imparato qualcosa di nuovo e così è sempre stato».

L’elaborazione grafica del manifesto è a cura di COMMUNICATION LAB – Pesaro.

Virginia Mori nasce a Cattolica nel 1981. Vive e lavora tra Pesaro e Milano. Si perfeziona in Illustrazione e Animazione all’Istituto Statale d’Arte di Urbino, esperienza formativa che contribuisce a costruire e consolidare il suo immaginario artistico e le permette di muovere i primi passi nella realizzazione di corti di animazione tradizionale e nell’illustrazione. Le sue tecniche d’elezione sono la matita, l’inchiostro e la penna bic su carta. Partecipa a diversi eventi artistici in Italia e all’estero. Nel 2008 vince il premio “SRG SSR Idée suisse” all’Annecy Call for Projects, che le permette di realizzare Il gioco del silenzio, un corto di animazione premiato e selezionato in diversi festival internazionali che, di fatto, lancia la sua carriera d’illustratrice e regista di animazione. Nel 2011 vince il premio “Abbaye de Fontevraud” grazie al quale, sommato all’apporto di 25 Films Paris, realizza Haircut, selezionato in concorso al Festival Internazionale di animazione di Annecy 2015 e in molti altri festival in tutto il mondo. Mori lavora inoltre freelance per editori, gallerie e altri clienti, fra cui il collettivo Withstand con cui ha realizzato le illustrazioni del videoclip musicale “Walt Grace’s Submarine Test” di John Mayer, con la regia di Virgilio Villoresi, e il libro animato Vento. Fra le altre collaborazioni può vantare Blu Gallery (Bologna), Club Sensible Gallery (Paris), Echale Guindas gallery (Madrid), Feinkunst Krueger Gallery (Hamburg), Pelledoca editore (Milan), Penguin Random House, Einaudi Ragazzi, Vogue Arts, Gucci, Fendi, Feltrinelli Editore, Bollati e Boringhieri, Libreria di Frusaglia (Pesaro) e Modo Infoshop (Bologna).