jeff bridges

Lo scorso anno, precisamente ad ottobre, Jeff Bridges ha rivelato che gli era stato diagnosticato un linfoma, un cancro del sistema linfatico, e che aveva iniziato i trattamenti necessari. Ora, attraverso il suo sito ufficiale, l’attore ha confermato che, a quasi un anno di distanza, il cancro è ufficialmente in remissione.

L’attore ha anche rivelato che la strada verso la guarigione non è stata semplice, dal momento che durante questi mesi ha contratto anche il Covid-19 durante la chemioterapia e, di conseguenza, ha dovuto lottare anche contro le conseguenze della nuova malattia. L’attore ha specificato di aver trascorso cinque settimane in ospedale, e ora che ha finalmente ricevuto due dosi di vaccino si sente più tranquillo e in forma che mai.

A causa della diagnosi del 2020, l’attore aveva dovuto abbandonare la produzione della serie FX The Old Man, che all’inizio avrebbe dovuto debuttare proprio ad ottobre di quest’anno. Sempre attraverso il suo sito, Bridges ha fatto sapere di essere ormai pronto a tornare al lavoro e di riprendere con la produzione della serie ad opera di Robert Levine e Jonathan E. Steinberg.

Clicca qui per vedere il post originale

Considerato uno degli attori più carismatici e talentuosi della sua generazione, Jeff Bridges è noto per aver recitato in film quali L’ultimo spettacolo (1971), Una calibro 20 per lo specialista (1974), King Kong (1976), Starman (1984), I favolosi Baker (1989), La leggenda del re pescatore (1991), The Contender (2000), Il Grinta (2011), Iron Man (2008) e Hell or High Water (2016).

Tuttavia, la sua fama è indissolubilmente legata al ruolo di Jeffrey Lebowski, detto “Drugo”, ne Il grande Lebowski (1998). Nel 2010 ha vinto l’Oscar come miglior attore protagonista per il film Crazy Heart, che racconta la crisi privata e pubblica del cantante country alcolizzato Bad Blake.