In Suicide Squad di David Ayer, la Task Force X si ritrova ad affrontare Incantatrice e suo fratello Incubus, due identità malvagie che hanno preso il controllo della fittizia Midway City e trasformato gli uomini in mostri, con l’obiettivo di spazzare via l’intera umanità.

 
 

Ad un certo punto del film, Incantatrice evoca Incubus, un essere interdimensionale con poteri divini, per farsi aiutare nella sua impresa. Incubus ha un aspetto molto più appariscente nel film, rispetto alla controparte fumettistica, ma a quanto pare Ayer aveva in mente un design ancora più spettacolare e audace che, alla fine, è stato scartato per la versione cinematografica (che sappiamo essere molto diversa dal film che il regista aveva in mente).

Attraverso il suo account Twitter, infatti, David Ayer ha condiviso un concept di quello che doveva essere il design iniziale di Incubus, il look che Ayer avrebbe voluto per il personaggio, ma che alla fine è stato modificato. L’emoji che ha accompagnato la didascalia (una faccina triste), indica chiaramente che al regista non è è stato permesso di concretizzare la sua idea. In base al concept, Ayer aveva immaginato Incubus come racchiuso all’interno di un’armatura d’argento che doveva quasi suggerire l’idea di un “uomo in fiamme”.

Clicca qui per vedere il post originale

David Ayer su Suicide Squad: “Non ho mai raccontato la mia versione della storia e non lo farò mai”

David Ayer ha rivelato tantissimi dettagli a proposito della sua versione di Suicide Squad negli corso degli ultimi anni. Tuttavia, ha rilasciato la sua dichiarazione più audace in merito lo scorso luglio.

“Ci ho messo la mia vita in Suicide Squad”, aveva scritto il regista su Twitter. “Ho fatto qualcosa di straordinario. Il mio taglio è un viaggio tanto intricato quanto emotivo, che racconta di alcune persone cattive sulle quali viene gettata m***a e che alla fine vengono scartate (tema che mi tocca nel profondo). Il taglio dello studio non è assolutamente il mio film. Leggetelo di nuovo. Il mio taglio non è la Director’s Cut di 10 settimane: è un montaggio completamente maturo, opera di Lee Smith, basato sull’incredibile lavoro di John Gilroy…

…È tutta la brillante colonna sonora di Steven Price, senza una sola canzone radiofonica nell’intero filmPresenta archi narrativi tradizionali, interpretazioni straordinarie, una solida risoluzione del terzo atto. Poche persone l’hanno vista. Non ho mai raccontato la mia versione della storia e non lo farò mai. Appartengo alla vecchia scuola, da questo punto di vista. Quindi ho tenuto la bocca chiusa e ho incassato tutto lo tsunami di critiche personali, a volte scioccanti. Non parlerò più pubblicamente della questione.”