Jonathan Nolan racconta le prime disastrose proiezioni di Memento: “C’era un tale disprezzo”

-

Lo sceneggiatore di Memento Jonathan Nolan ricorda le disastrose prime proiezioni del thriller psicologico. Il regista Christopher Nolan ha vissuto una svolta decisiva con il suo film del 2001, basato sul racconto di suo fratello Jonathan, su un uomo con perdita di memoria a breve termine che cerca tortuosamente di risolvere il caso dell’omicidio di sua moglie. Realizzato per meno di 10 milioni di dollari, il film ha utilizzato un approccio innovativo e non lineare simile allo stile che Nolan avrebbe poi utilizzato per il suo cinema successivo e anche per il blockbuster premio Oscar Oppenheimer.

Memento ha incassato 40 milioni di dollari con un budget relativamente piccolo, e ora è ampiamente acclamato, ma il film è stato inizialmente accolto piuttosto freddamente dai potenziali distributori, come ha rivelato di recente Jonathan Nolan, ricordando le disastrose prime proiezioni del film.

“Quindi l’abbiamo proiettato per tutti, tutti nello stesso giorno, marzo del 2000. Ho portato Chris fuori a mangiare una bistecca. Emma [Thomas] è andata a una proiezione, [i produttori], le sorelle Todd, sono andate a un’altra, Aaron Ryder, il nostro produttore, è andato a una terza, e mi hanno chiamato sul mio vecchio cellulare Nokia. Chris ed io aspettavamo le congratulazioni… arrivarono le chiamate e nessuno voleva comprarlo.

Tutto è iniziato con Harvey Weinstein e tutti gli altri… L’abbiamo proiettato per tutte queste sale cinematografiche e siamo rimasti totalmente male. Nessuno lo voleva e la risposta di tutti è stata: “Oh, pensavo fosse fantastico”. “Va bene, quanto vuoi offrire?” Non avremmo preso molti soldi. E la risposta è stata: “Lo capisco, ma il pubblico non lo capirà”. E c’era un tale disprezzo per il pubblico.

Questo aspetto è davvero ciò che ha motivato gran parte della mia carriera e gran parte del modo in cui ho affrontato la mia carriera. C’è un tale disprezzo per il pubblico, li considerano dei fottuti idioti. Quindi non lo avrebbero capito. E ho pensato tra me: “Dio, ho incontrato alcuni di questi dirigenti. Cosa ti fa pensare di essere molto più intelligente del pubblico? Perché non lo sei.”

Chiara Guida
Chiara Guida
Laureata in Storia e Critica del Cinema alla Sapienza di Roma, è una gionalista e si occupa di critica cinematografica. Co-fondatrice di Cinefilos.it, lavora come direttore della testata da quando è stata fondata, nel 2010. Dal 2017, data di pubblicazione del suo primo libro, è autrice di saggi critici sul cinema, attività che coniuga al lavoro al giornale.

Articoli correlati

- Pubblicità -

ALTRE STORIE

- Pubblicità -