Buon Compleanno Marco Beltrami

-

Oggi festeggiamo Marco Beltrami. Come chi? Solo perché vi siete fermati a Hans Zimmer, John Williams e Howard Shore, non è che non ci siano altri compositori a Hollywood. E il ragazzo è uno di questi. Classe 1966 e un cognome che tradisce le origini italiane, Beltrami è un amico di vecchia data di Wes Craven, il papà di Scream, e con lui collabora in più di un’occasione (sette, ad oggi), tanto da essere etichettato come uno che fa le musiche horror.

Beh, in effetti è proprio il capitolo 1 della celebra saga degli anni Novanta che lo lancia nello showbiz: è il ‘96 e il grande successo di Scream regala al musicista altri progetti, diversi per genere ma con una sfumatura thriler/action che li accomuna. Qualche esempio? The Faculty, Resident Evil (cui lavora insieme a Marilyn Manson, uno che fa paura veramente), Hell Boy, I, Robot, Red Eye. Sì, è proprio uno da roba tosta, il signor Beltrami, ma non per questo rinuncia a pellicole più ‘indie’ (tipo Le tre sepolture) e, a forza di strimpellare qua e là, ecco che si becca pure due nomination all’Oscar, la prima per Quel treno per Yuma e la seconda per The Hurt Locker. Certo, se vuoi evitare l’incasellamento nelle categorie “film di paura”/“film d’azione”, poi non è che ti getti, bacchetta alla mano, su World War Z e Wolverine. E non parliamo dell’atteso remake di Carrie, dove il sangue scorre a fiumi e l’orrore divampa dalla prima nota.

Ma se citi fra le tue influenze Bernard Hermann (il fido collaboratore di Hitchcock), Ennio Morricone e Nino Rota, avrai anche altro da offrire, e siamo sicuri che ne sentiremo delle belle. Del resto, un film – che sia horror, action, d’amore o di guerra – non può vivere senza la musica. O meglio, potrebbe, ma le emozioni non sarebbero le stesse. E, un po’ emozionati per l’esito incerto della nostra esibizione, proviamo a intonare un TANTI AUGURI A TE, MR. BELTRAMI!

Giuditta Martelli
Giuditta Martelli
Giovane, carina e disoccupata (sta a voi trovare l'intruso). E' la prova vivente che conoscere a memoria Dirty Dancing non esclude conoscere a memoria Kill Bill, tutti e due i Volumi. Tanto che sulla vendetta di Tarantino ci ha scritto la tesi (110 e lode). Alla laurea in Scienze della Comunicazione seguono due master in traduzione per il cinema. Lettrice appassionata e spettatrice incallita: toglietele tutto ma non il cinematografo. E le serie tv. Fra le esperienze lavorative, 6 anni da assistente alla regia in fiction e serie per la televisione (avete presente la Guzzantina in Boris?). Sul set ha imparato che seguire gli attori è come fare la babysitter. Ma se le capita fra le mani Ryan Gosling...

Articoli correlati

- Pubblicità -
 

ALTRE STORIE

Tombstone film

Tombstone: la storia vera dietro al western con Kurt Russell

Al leggendario pistolero Wyatt Earp e alle sue gesta sono stati dedicati numerosi film nel corso della storia, da Sfida infernale (1946) di John...
- Pubblicità -