Non ti muovere

Anno: 2004

Regia: Sergio Castellitto

Cast: Sergio Castellitto, Penelope Cruz, Claudia Gerini

Forse arriva un momento, nella vita, nel quale immancabilmente si finisce per sprofondare nel mare dei ricordi. Il passato si svela, inatteso avvia un replay di emozioni sopite da tempo. Così Timoteo, padre frustrato e chirurgo, si ritrova d’un tratto a capezzale della figlia Angela, in coma dopo un grave incidente in motorino. Il dolore, l’impotenza di fronte a quel corpo così vicino ma drammaticamente lontano, lo conducono indietro negli anni sino all’incontro con Italia, una donna non bella e all’apparenza volgare ma dall’animo fragile.

Comincia da qui, in un dialogo immaginario con la figlia, il racconto-confessione di una storia extraconiugale, di un amore tanto profondo quanto impossibile, di una passione viscerale. Non ti muovere è il sussurro di un padre disperato che rischia di perdere quanto gli resta di più prezioso, è la speranza, ma è anche infine il filo conduttore della narrazione.

Non ti muovere è un film intenso, capace di mettere a confronto gli uomini con una paura recondita per la perdita della vita quando il dolore, la devastazione, l’abbandono, restano l’unica visione del mondo. Tratto dall’omonimo romanzo di Margaret Mazzantini, vincitore del celebre Premio Strega nel 2002, il film, diretto e interpretato da Sergio Castellitto (marito della scrittrice), mette a nudo una realtà cruda ma allo stesso tempo tangibile, riportando a galla quelle stesse emozioni celate tra le pagine del testo.

Persino il ruolo di Italia viene magistralmente messo in scena dalla splendida Penelope Cruz, imbruttita e resa quasi irriconoscibile, ma capace di recitare talmente bene in lingua italiana da essere stata definita «la nuova Anna Magnani del XXI secolo, in grado di comunicare la sua essenza in italiano meglio di quanto non riesca a fare in inglese». Un’impresa non facile e che ha costretto l’attrice ad allenamenti linguistici impegnativi ma che alla fine le ha permesso di trasporre sul grande schermo quella donna, Italia, che milioni di lettori avevano già potuto conoscere nel libro e che le è valsa il David di Donatello 2004 come migliore attrice protagonista. A condire il tutto una colonna sonora d’eccezione, Un senso, scritta appositamente per il film dal cantautore Vasco Rossi.

Proprio la ricerca di un senso ad una vita che spesso un senso non ce l’ha, l’attesa di un domani che arriverà, aiutano l’uomo a non sentirsi solo, ad andare avanti nonostante tutto, nonostante incertezze, paure, sconfitte. Ed è in questa ricerca continua che si mostra il cerchio della vita, al tragico epilogo della morte si contrappone la rinascita, un risveglio che, dopotutto, altro non è che l’inizio di una nuova vita.