1992 1×01-02 recensione degli episodi con Stefano Accorsi

814
1992

L’ingegnere Mario Chiesa viene arrestato il 17 febbraio 1992 per aver ricevuto circa 7 miliardi della vecchie lire dall’imprenditore Luca Magni. L’uomo tentò di occultare le prove ma il suo tentativo fu misero.

1992-1x01-4In questo scenario si apre 1992 la nuova serie di SKY che romanza e racconta la storia in cui il nostro paese ha vissuto uno dei più radicali cambiamenti socio-politco che ancora ai giorni nostri ha dei forti echi nelle grandi vicende di cronaca. Dall’idea di Stefano Accorsi vediamo quindi intrecciarsi sei maschere che in quegli anni hanno cercato di affermarsi nonostante la grossa crisi e le grandi fratture sociali. Chi fa da collante e a tutto è Leonardo Notte (Accorsi) pubblicitario che lavora a stretto contatto con Marcello dell’Utri per Publitalia, la sua peculiarità di uomo “delle vendite” è carpire e saper dire e dare al cliente quello che vuole per profitto, in tal senso le scene delle riunioni in ufficio saranno esaurienti per capire la moralità su cui gira il sistema. Di seguito abbiamo Veronica Castello (Miriam Leone) che incarna la componente dello spettacolo e quindi tutte quella frangia di soubrette televisive che è disposta a tutto per il successo. Successivamente vediamo Luca Pastore (Domenico Diele) e Rocco Venturi (Alessandro Roja) due agenti della Polizia Giudiziaria che lavorano al fianco al  fianco di Antonio di Pietro in quello che sarà poi processo di “Mani Pulite”; se il primo ha già mostrato una vena vendicativa dovuto all’HIV, l’altro rimane dietro le quinte in queste due puntate ma lasciando intravedere la labilità della sua figura. Inoltre abbiamo Pietro Bosco (Guido Caprino) ex militare congedato con disonore dalla guerra del golfo che cerca di riscattare la sua vita sposando gli ideali della Lega Nord. Completa il quadro Beatrice Mainaghi (Tea Falco) figlia di un ricco imprenditore milanese che si rifugia nello sballo per evadere dal piattume della sua vita, che molto spesso è associata a forti episodi di depressione.

1992-1x01-2La prima puntata ha un arco temporale che va dal 17 febbraio, giorno in cui viene arrestato l’ingegnere, al 22 marzo, la settimana prima delle elezioni. In cui ci vengono presentate queste stereotipate maschere che in qualche modo rappresentano “il seme” di un passato che sembra “tornare” sia per slogan sia per (mancanza di) sogni visto le grandi incertezze contemporanee. Nella seconda puntata invece è più palpabile e assai credibile l’intreccio tra finzione e realtà, dal 23 marzo giorno in cui Chiesa decide di “cantare” vediamo più sequenze con Di Pietro (Antonio Gerardi), immagini di repertorio e le tendenze politiche “che detta Roma” fino ad arrivare al giorno delle elezioni del 5 Aprile che ci mostra uno spaccato della prima repubblica e dell’oscuro passato di Leonardo Notte.

1992-1x01-31992 è la conferma che SKY sta facendo il primo vero cambio di rotta in questa televisione dominata dalle fiction patinate o delle biografie storiche in cui il dramma è relegato sempre e solo ad un personaggio o ad una situazione storica. Qui la regia di Giuseppe Gagliardi usa entrambi con coscienza mentre la camera cavalca i ritmi d’inchiesta storica e quelli di thriller legati ai personaggi che vivono il mondo che li ospita grazie anche all’accuratezza storica delle location e delle immagini di repertorio, interessante sarà vedere come progrediranno questi personaggi sugli eventi “dell’inchiesta del secolo”.

VOTO: 4/5 stelle