24LiveAnotherDay-jpg

Da Lunedì 5 Maggio Kiefer Sutherland, alias Jack Bauer, sarò pronto a tornare in azione sul piccolo schermo, calandosi di nuovo nei panni dell’agente del CTU (Counter Terrorist Unit) che ha interpretato per ben 8 anni nella pluripremiata serie tv 24. L’originalità del format sta proprio nella trovata diegetica dei creatori Joel Surnow e Robert Cochran: raccontare le 24 ore da cardiopalma dell’agente Bauer nell’arco di otto stagioni, dove ogni episodio corrisponde ad un’ora della sua movimentata esistenza.

24LiveAnotherDay-jackQuando comparve per la prima volta in tv (parliamo del Novembre 2001) la serie rivoluzionò il modo di concepire la serialità del prime time, rilanciando la carriera di Kiefer Sutherland. Dopo la fine della serie principale nel 2010, intorno all’estate del 2013 cominciò a circolare la voce a proposito di un ipotetico ritorno di 24, magari realizzando una miniserie, una sorta di spin-off in grado di diventare poi, autonomamente, un nuovo capitolo da aggiungere alle precedenti otto stagioni. Nasce così il soggetto per 24: Live Another Day che sposa l’azione dopo quattro anni rispetto alla fine dell’ultima stagione e degli eventi in essa narrati. L’azione è ambientata interamente a Londra e vede un Jack Bauer fuggitivo, pronto a sventare una nuova catastrofe mondiale, cercando però di evitare gli agenti della CIA che sono sulle sue tracce, il tutto provando a capire davvero di chi può fidarsi e di chi, invece, deve diffidare completamente…. Strutturalmente segue lo stesso impianto delle precedenti serie, e per adesso sono stati realizzati, prodotti e distribuiti i primi 12 (in attesa della successiva dozzina).

24LiveAnotherDay-castSullo schermo, insieme a Sutherland/ Bauer, troveremo alcune vecchie conoscenze come Mary Lynn Rajskub nei panni di Chloe O’Brian; Kim Raver aka Audrey; William Devane torna a ricoprire il ruolo del presidente degli USA James Heller, un personaggio che gli appassionati della serie già conoscono ed hanno incontrato. Per quanto riguarda invece i nuovi acquisti del cast, troviamo l’attore canadese Michael Wincott (nei panni dell’ambiguo hacker ed attivista Adrian); Gbenga Akinnagbe e Giles Matthey nei panni degli agenti della CIA Erik Ritter e Jordan Reed; Yvonne Strahovski (già protagonista del serial Chuck) che interpreta un agente operativo della CIA sule tracce di Bauer; il nominato agli Emmy Benjamin Bratt che qui ricopre il ruolo del capo inglese della CIA Steve Navarro, che dirige le operazioni volte a ritrovare l’agente fuggitivo Bauer; Tate Donovan ricoprirà il ruolo del nuovo marito di Audrey Raines, nonché capo dello staff addetto alla Casa Bianca. Nel Dicembre 2013 il produttore ed autore David Fury ha lasciato trapelare alcune rivelazioni su twitter a proposito del ritorno di Carlos Bernard nei panni di Tony Almeida.
Per chiudere (almeno in parte) il già ricco cast, diviso tra new entries e vecchie glorie, troviamo due nomi di rilievo come Stephen Fry – nei panni del primo ministro britannico Trevor Davies – e Michelle Fairley, reduce dal set della pluripremiata Game of Thrones, chiamata a sostituire Judy Davis dopo il suo forfait per motivi personali, pronta a dare vita al personaggio controverso di Margot Al-Harazi, ricca vedova di un noto terrorista.

24: Live Another Dayè una produzione Teakwood Lane Productions insieme alla 20th Century Fox Television e alla Imagine Television. Howard Gordon, Evan Katz, David Fury, Robert Cochran, Manny Coto, Jon Cassar, Brian Grazer e Kiefer Sutherland sono i produttori esecutivi.

 
Articolo precedenteFriends With Better Lives 1X04 recensione dell’episodio con Zoe Lister-Jones
Articolo successivoGomorra la Serie: il primo trailer
Ex bambina prodigio come Shirley Temple, col tempo si è guastata con la crescita e ha perso i boccoli biondi, sostituiti dall'immancabile pixie/ bob alternativo castano rossiccio. Ventiquattro anni, di cui una decina abbondanti passati a scrivere e ad imbrattare sudate carte. Collabora felicemente con Cinefilos.it dal 2011, facendo ciò che ama di più: parlare di cinema e assistere ai buffet delle anteprime. Passa senza sosta dal cinema, al teatro, alla narrativa. Logorroica, cinica ed ironica, continuerà a fare danni, almeno finché non si ritirerà su uno sperduto atollo della Florida a pescare aragoste, bere rum e fumare sigari come Hemingway, magari in compagnia di Michael Fassbender e Jake Gyllenhaal.