Patrick Stewart è il protagonista di Blunt Talk, nuova sit-com targata Starz, il cui varo è previsto per il prossimo 22 agosto. Il conduttore televisivo inglese Walter Blunt sbarca negli Stati Uniti mosso dal nobile intento proporre al pubblico d’oltreoceano la sua personale visione di come i cittadini americani dovrebbero modificare il proprio modo di pensare e di vedere la vita… Purtroppo La via dell’Inferno è lastricata dalle buone intenzioni: si assisterà così al suo affondamento, costellato da errori davanti e dietro la telecamera, cui contribuiranno uno staff disfunzionale e l’ostilità dei dirigenti del network.
Non meglio andranno le cose nella vita privata, infarcita di ex – mogli e relativi figli; unico vero sostegno del protagonista resterà il suo maggiordomo… alcolizzato.

 

blunt-talk-2Ad affiancare Stewart, tra gli altri, Jackie Weaver (Dolores ne Il lato positivo, per lei un ruolo minore nel capolavoro di Peter Weir Picnic ad Hanging Rock) nella parte di Rosalie Winter, produttrice del programma di Blunt; Adrian Scaraborough (La pazzia di Re Giorgio – Il discorso del re) in quello del maggiordomo alcolizzato Harry;  Tim Sharp (Six Feet Under – Till Death), Romany Malco (No Ordinary Family), Richard Lewis (Curb Your Enthusiasm – Anythin But Love).
Della partita sarà anche Ed Bagley Jr., caratterista con una serie sterminata di apparizioni sul grande e piccolo schermo, le più importanti forse quelle in Turista per Caso, Scene di lotta di classe a Beverly Hills e She-Devil, Lei il Diavolo; tra gli special guest, i nomi più in vista al momento sono quelli di Jason Schwartzman, Elizabeth Shue e del musicista Moby.

BLUNT TALK 2015La serie (prima stagione articolata in dieci episodi, ma ne è già prevista una seconda, per altrettante puntate, della classica durata di 30 minuti) è ideata e scritta da Jonathan Ames, saggista, romanziere e autore di fumetti, noto al  pubblico televisivo per Bored to Death. Alle redini delle produzione c’è invece  Seth McFarlane (con la sua Fuzzy Door) autore di serie ormai storiche come I Griffin ed American Dead, nonché della serie cinematografica di Ted e prossimo protagonista di Million Ways to Die in the West,  qui all’esordio con una serie tv con  personaggi in carne ed ossa. Blunt Talk sancisce tra l’altro un ulteriore sviluppo della collaborazione con Patrick Stewart, che ha dato la voce ad Avery Bullock, capo del protagonista di American Dead, Stan.

Un protagonista dalla vita – privata e lavorativa – disastrata, e l’incontro – scontro di un suddito di Sua Maestà britannica con la vita americana: elementi non nuovi, ma che uniti appaiono intriganti, specie se ulteriormente nobilitati dalla  presenza di un attore di rango (non dimentichiamo i suoi trascorsi teatrali) come Stewart, che potrebbe costituire la classica ‘marcia in più’.

https://www.youtube.com/watch?v=r_BACYCRwRg