C’era una volta 1×06: recensione dall’episodio

437
Once Upon a Time

In C’era una volta 1×06 si intitola The Shepherd e ruota intorno alla figura di David, che in realtà è il Principe Azzurro delle fiabe, approfondendo il suo passato momentaneamente rimosso. Intanto, il piccolo Henry tenta di svelare a David la sua vera identità, tirando fuori la sua natura di Principe Azzurro mettendolo alla prova, ma evidentemente l’uomo non è ancora pronto per rivelazioni così dirompenti…

Regina decide di dividere, in qualche modo, la nuova coppia costituita da David e Mary Margaret e per farlo non esita prima a parlare con Kathryn durante il party, poi dando indicazioni sbagliate a David la sera stessa dell’appuntamento mandandolo fin nel negozio di Mr. Gold (in realtà il Tremotino delle fiabe) che lo suggestiona a tal punto da spingerlo a tornare tra le braccia della moglie rifiutando l’altra donna, che apprende la notizia tra la rabbia e le lacrime. Emma, nel frattempo, durante un giro notturno di pattuglia scopre che lo sceriffo Graham passa le notti da Regina, invece di dedicarsi a degli ipotetici “lavori di volontariato”, ma è costretto a sgattaiolare fuori dalla finestra perché la donna non vuole che Henry lo veda.

In maniera del tutto parallela, come in ogni episodio, le storie dei personaggi di Storybrooke si intrecciano con quelle dei protagonisti del mondo delle fiabe: nel regno il Principe George ordina ai suoi cavalieri, guidati dal figlio James (ovvero il Principe Azzurro), di uccidere il terribile drago che devasta il regno di Re Mida, che in cambio ha promesso oro e prosperità per tale servigio. Il Re accetta, ma la sciagura è pronta ad abbattersi sul suo casato: durante un duello con un nemico, infatti, il Principe viene ferito a morte. Disperato, per le sorti sia del figlio che del regno, il Re chiede aiuto al perfido Tremotino che stipula con lui un nuovo patto: dopo avergli dato un figlio che gli garantisse la dinastia (il Re e la Regina, infatti, erano sterili), l’oscuro personaggio garantisce al sovrano di riportarlo in vita, ma a una condizione cioè di avere in cambio la bacchetta magica della Fata Madrina. Il Re accetta, ma il patto si rivela un imbroglio: Tremotino gli rivela che non può riportare in vita i morti, ma che James aveva un fratello gemello che viveva come un pastore insieme alla  madre. E infatti il Re lo trova, e supplica il giovane di aiutarlo per il bene del regno. Il ragazzo accetta, sostituendosi quindi al fratello morto, ma non prima di aver stipulato anch’egli un patto con Tremotino che garantisse la prosperità economica della madre.

Consapevoli della sostituzione, i cavalieri provano a proteggere il giovane dal perfido drago ma il ragazzo, travolto dagli eventi, armato della spada d’oro del Principe Azzurro uccide l’infernale creatura decapitandola. Re Mida, per ringraziare Re George che ha salvato il suo regno, dichiara una pace tra i due regni sancita da un matrimonio tra sua figlia Abigail (la Kathryn di Storybrooke) e suo figlio James; solo che il giovane è restio a sposarsi, perché crede nell’amore vero verso il quale lo guiderà l’anello paterno donatogli dalla madre come suo ricordo prima dell’addio (e che a Storybrooke è al dito di Mary Margaret!); ma del resto anche Abigail non è convinta del matrimoni organizzato da suo padre per ragioni politiche ed economiche… Il finale della puntata si ricollega alle prime sequenze del quinto episodio: Snow Falls.

Once Upon a Time 1×06 (C’era una volta)

Once Upon a Time (C’era una Volta) è la nuova serie tv ideata da Edward Kitsis e Adam Horowitz per il network americano della ABC. La serie tv prende in prestito elementi e personaggi dal mondo Disney e dalle più popolare letteratura occidentale, folklore e fiabe.

In Once Upon a Time (C’era una Volta)  proprio quando sembra che Storybrooke possa godersi po’ di pace la città viene ancora una volta minacciata da forze oscure. Il malevolo Mr. Hyde è stato separato dal dottor Jekyll e ha portato con sé i suoi compagni, gli abitanti della Terra delle storie mai raccontate. A peggiorare le cose c’è la metà oscura di Regina – La Regina Cattiva – che è ancora viva nonostante il suo cuore sia stato schiacciato: non possedendo una coscienza la Regina Cattiva ha dichiarato guerra agli eroi. Nel frattempo il passato di Aladdin come precedente Salvatore diventa un nuovo fattore nel ruolo di Emma come attuale Salvatrice, ed essa è in procinto di essere spinta ai limiti, che la potrebbero portare ad un futuro senza lieto fine. Nel frattempo Gold cerca di riavere di nuovo il cuore di Belle in modo che possano essere una famiglia per il loro futuro bambino. Belle dà alla luce suo figlio ma per proteggerlo da Tremotino decide di abbandonarlo e di metterlo al sicuro con Fata Turchina come Fata Madrina del suo piccolo. La Regina Cattiva intanto decide di rubare la lampada del Genio dove è rinchiuso Aladdin.

Articolo precedenteDrop Dead Diva 3 – Trailer 2
Articolo successivoBoardwalk Empire 2X11 – recensione
Ex bambina prodigio come Shirley Temple, col tempo si è guastata con la crescita e ha perso i boccoli biondi, sostituiti dall'immancabile pixie/ bob alternativo castano rossiccio. Ventiquattro anni, di cui una decina abbondanti passati a scrivere e ad imbrattare sudate carte. Collabora felicemente con Cinefilos.it dal 2011, facendo ciò che ama di più: parlare di cinema e assistere ai buffet delle anteprime. Passa senza sosta dal cinema, al teatro, alla narrativa. Logorroica, cinica ed ironica, continuerà a fare danni, almeno finché non si ritirerà su uno sperduto atollo della Florida a pescare aragoste, bere rum e fumare sigari come Hemingway, magari in compagnia di Michael Fassbender e Jake Gyllenhaal.